Utente 449XXX
Salve dottori sono molti anni che vado avanti con un dolore alcune volte insopportabile che però per fortuna passa e poi ritorna. Praticamente molti anni fa ho cominciato ad avvertire un bruciore al glande sopratutto quando defecavo e quindi allo stesso tempo urinavo. Ho consultato un medico e mi ha detto che soffrivo di fimosi è così mi sono operato. Sperando che questo dolore sparisse e fosse dato dalla pelle che stringeva troppo il glande ero ottimista riguardo alloperazione ma a distanza di anni il bruciore é ancora presente. Inoltre quando defeco e il glande comincia a bruciarmi noto che esce anche una sostanza bianca (credo sia sperma) che però é molto più solida e appiccicosa. Inoltre ho quella sensazione di avere, dopo la defecazione e quindi la minzione ancora della pipì incastrata dentro al pene. Vorrei sapere cosa potrebbe essere

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta evidentemente della "spremitura" della prostata e delle vescicole seminali dalla loro secrezione, causata dall'aumento della pressione addominale esercitata per defecare (ponzamento). Il passaggio di questa secrezione nell'uretra può essere transitoriamente irritante ed il fastidio viene tipicamente irradiato lungo il canale per essere percepito a livello del tratto terminale, che appunto attraversa il glande. Si tratta di un segno molto comune dei disturbi prostatici irritativi, purtroppo spesso misconosciuto o confuso con altri problemi dell'uretra. Lei non manifesta altri particolari disturbi, pertanto vi è da chiedersi perchè venga prodotta così tanta secrezione (liquido pre-eiaculatorio) da accumularsi in qualche modo per poi essere "spremuta" dal ponzamento. Dare una risposta non è semplice, A sua giovanissima età potrebbe anche trattarsi solo di una stimolazione ormonale particolarmente vigorosa, non è detto chenvi siano necessariamente altri problemi (infiammazioni, infezioni) che si manifesterebbero probabilmente anche in altro modo. In conclusine, riteniamo comunque opportuno che lei si sottoponga alla,visita diretta di un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 449XXX

Grazie della risposta dottore, ho già fatto due visite da due urologi in ospedale i quali il primo mi ha detto che mi basta bere molta acqua e il secondo mi ha fatto un esame che non ricordo il nome ma controllava tipo se la minzione era regolare oppure si bloccava. Credo quindi mi rivolgerò sta volta ad un urologo specialista a pagamento. Comunque la rigranzio dell'immediata risposta.
Cordiali saluti e grazie ancora