Utente 179XXX
Preg.mi dottori,
volevo porre un quesito ovvero assumo da vari mesi farmaci per migliorare la minzione, avendo rilevato una uroflussometria con valori sotto la media (10.9) e prostatiti ricorrenti, in particolare ho utilizzato dapprima Omnic poi sostituito con Urorec in quanto il primo risultava nel tempo inefficacie.
Ho però notato il verificarsi di episodi come di senso di svenimento stando in piedi, lievi capogiri ed in particolare astenia a volte anche marcata (soprattutto con uso di Urorec oltre a eiaculazione retrograda).
Volevo chiedere il vostro parere circa gli effetti collaterali riscontrati ovvero in particolare se l'astenia può essere correlata con l'uso di tali medicinali.
Concludo dicendo che ho effettuato una lunga serie di esami (RM, TAC, Ecografie, gastroscopia, colonoscopia, varie esami sangue e urine, visite specialistiche varie, controllo cardiologico, neurologico ecc.) per escludere altre patologie.
Grazie per il Vostro parere.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Tutti i farmaci alfa-litici, come la tamsulosina e la silodosina nel suo caso, sono variamente in grado di abbassare la pressione del sangue. In soggetti predisposti, magari già abitualmente con pressione arteriosa bassa, questo effetto può risultare fastidioso (capogiri, svenimenti, ecc.). Raramente però questi effetti sono accentuati al punto da dover sospndere la terapia. Però deve essere lei ad esprimerci quanto i disturbi possano essere sopportabili o meno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Grazie mille per la risposta dott. Piana, ne approfitto per chiederle un ultimo parere ovvero visto che soffro di ricorrenti episodi di prostatite e nei vari esami svolti e ripetuti negli anni come urinocoltura e spermiocoltura con metodo tradizionale e PCR non è mai venuto fuori nessun batterio mi chiedevo se può esserci una assonanza tra candida e prostatite, chiedo questo perché recentemente alla mia partner è stata riscontrata la presenza di candida nell'urinocoltura.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo di no. Buona parte dei casi di cosiddetta "prostatite" presentano accertamenti colturali negativi. Questo proprio perché la componente infettiva è assente, ovvero è stata molto fugace e "decapitata" dall'antibiotico. I fastidi sono quindi causati da un mix di congestione, infiammazone ed accentuata sensibilità locale per i quali, come è noto, non vi è alcuna terapia specifica efficace.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 179XXX

Preg.mo dott. Piana, volevo aggiornarla in merito a ulteriori sviluppi relativi al mio caso ovvero:
In un recentissimo tampone vaginale alla mia partner è stato riscontrato l'ureplasma urealyticum (presente +3), sentito il mio urologo a prescritto Bassado x entrambi x 10 gg ed in merito volevo chiedere:
1. cosa significa l'indicazione +3 indicato sulla presenza del batterio;
2. E' vero che trattasi si un batterio difficile da eradicare;
3. Io ho eseguito urinocoltura e spermiocoltura con metodo PCR a maggio scorso ed il batterio non era presente, è possibile che io non lo abbia contratto;
4. soffro da vari anni di episodi ricorrenti di prostatite, la cosa potrebbe essere imputabile al batterio riscontrato nella mia partner sessuale e che non è mai stato trovato sui vari e ripetuti esami culturali svolti in questi anni;
Grazie per l'aiuto.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Probabilmente per "+3" si intende "+++" che è un modo molto generico di esprimere una presenza cospicua. Non ci pare che sia un batterio così difficile da trattare, ovviamente se questo viene fatto in modo opportuno. E' possibilissimo che lei non abbia contratto l'infezione. Nel maschio l'infezione da Ureaplasma, come da Clamidia si manifesta con secrezioni uretrali quasi inequivocabili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 179XXX

Grazie mille per il consulto, lei reputa opportuno il trattamento con il Bassando 2 al di x 10 giorni e dopo quanti giorni dal termine della terapia posso ripetere gli esami culturali, l'esame con la tecnica PCR è sufficiente effettuarlo sulle urine oppure è opportuno ripeterlo anche sulla spermiocoltura.

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La terapia è solo di copertura, non essendovi stata una positività in precedennza, non vi sono da ripetere esami.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 179XXX

Gentilissimo dott. Piana, volevo chiedere quali sono le modalità di trasmissione dell' Ureaplasma urealyticum e se in particolare può essere trasmesso anche tramite strofinamento esterno tra le zone genitali.
Inoltre il mio urologo mi ha indicato la terapia con Bassado x 10 gg. mentre il ginecologo della mia partner gli ha detto che è opportuno farlo x 14 gg.
Attendo suo prezioso consiglio in merito.

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dieci o quattordici giorni non fa una grossa differenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing