Utente 394XXX
Buonasera,
Sono un ragazzo di 20 anni, fumo e occasionalmente bevo alcolici. Bevo circa 2 o 3 caffè al giorno, e non pratico sport da circa un anno, ma a brevissimo riprenderò.
Ultimamente ho avuto molti impegni (un trasferimento e un po’ di lavoro) ma in ogni caso non direi affatto di essere in un periodo eccessivamente stressante.
Eppure, da circa un paio di mesi, penso di soffrire di vescica iperattiva.
Inizialmente si manifestava solo una voglia urgente di urinare, che tuttavia riuscivo bene o male a gestire, almeno fin quando non trovavo un bagno. Ultimamente, però, la necessità di urinare si presenta più urgente del solito, tanto che non riesco a trattenermi fino al rientro a casa. In ogni caso non ho perdite di urina involontarie, solo che l’urgenza si fa tanto grave da costringermi a fermarmi ovunque mi trovi dopo aver tentato di trattenermi per un po’ in situazioni in cui non sia vicino ad un bagno.

Ho intenzione di effettuare un controllo medico, tuttavia vi chiedo se é possibile già dalle informazioni scritte su, escludere alcune delle patologie magari più gravi che possono portare a questo tipo di problema.

Vi ringrazio in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

"dalle informazioni da lei scritte" niente si può dire.

Bene ora sentire in diretta, senza perdere altro tempo prezioso un bravo urologo.

Sulla problematica da lei sollevata "la vescica iperattiva" le consiglio, se non ancora lette, queste mie news:

https://www.medicitalia.it/blog/urologia/7447-dolore-pelvico-cronico-consigli-seguire.html

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/323-prostatite-dolore-pelvico-cronico.html

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com