Utente 501XXX
Buongiorno.

Dopo due figli cerchiamo il terzo (il più piccolo ha ormai 6 anni).
Ci avviciniamo entrambi alla quarantina.

Cerchiamo da poco meno di un anno (senza essere sistematici nella ricerca) ma senza risultati (le prima due gravidanze sono arrivate invece al primo colpo).

La visita ginecologica periodica di mia moglie non ha segnalato particolari "difficoltà".

Ho eseguito uno spermiogramma con i seguenti risultati.

Volume 2,5
Colore avorio
Coagulazione presente
Viscosità diminuita
liquefazione completa
ph 7.2
Cellule rotonde (l/ml) 500.000
cellule germinali immature: presenti
leucociti (l/ml) di cui: 200.000
Emazie: assenti
cellule epiteali: presenti
agglutinati: assenti
Concentrazione spermatozoi: 8.000.000
totale spermatozoi per eiuaculato: 20.000.000

Motilità dopo 60'
progressiva rapida 0%
progressiva lenta: 20%
debole o in situ: 22%
immobili: 58%

Morfologia:
normali 3%
Abnormi 97%

Test di separazione nemaspermica (percoll)
liquido seminale trattato: 1 ml
volume finale della preparazione: 1 ml
numero di spermatozoi con motilità: 700.000
% di spermatozoi con motilità progressiva (a+b): 60%
% forme normali: 3

Test di vitalità
% spermatozoi vitali: 60%.

Ora, il medico mi ha consigliato di riprovare il test tra 2 mesi, perché il risultato potrebbe essere anche dovuto, a suo avviso, al caldo. Se i risultati fossero stati confermati mi avrebbe dato un integratore.

Tuttavia, con mia moglie ci siamo dati dei tempi limitati per il terzo concepimento e, dunque, due mesi potrebbero toglierci buona parte del tempo utile residuo che ci siamo dati.

Ho insistito per avere subito un integratore ma non c'è stato nulla da fare (il medico era in verità un po' frettoloso, non essendo il mio medico personale e operando in un centro forse un po' spersonalizzante).

Mi chiedevo se non fosse utile provare a fare un altro test (il percolo dà motilità al 60% mentre il primo solo al 20%), per verificare l'esattezza dei risultati o se non fosse utile un altro consulto nella speranza di avere la prescrizione di un integratore che (nei pochi mesi residui che ci siamo dati) aumenti le possibilità.

Temo il risultato possa essere anche dovuto allo stress della raccolta (effettivamente ero abbastanza in ansia).

Grazie per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Temo di essere un tantinello stupito di fronte a simili parole. Il caldo fa questo? un integratore con 8 milioni di spermatozoi? Non un accertamento?
Mah: senta una altra campana ed alla svelta.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 501XXX

Grazie per il riscontro.

E' il caso di fare quantomeno un secondo esame, anche per escludere errori?

Non so se possa influire, ma ero davvero stressato al momento della raccolta (credo la eiaculazione fosse finanche ridotta rispetto a quelle naturali).

È possibile con questo esame ottenere dal medico curante una ricetta per procedere via ssn?

Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
questo è sicuro che un secondo esame ci vuole, ma mi raccomando senta una altra campana.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org