Utente 530XXX
Gentili dottori, posto questa domanda in urologia anche se ha componenti certamente ortopediche ma quello che mi interessa e' appunto ciproxin.
Lunedi' 18 inizio a prendere ciproxin 500 2 al di' su prescrizione del mio medico a causa di un episodio di prostatite, dopo tanti anni dalle precedenti.
Mercoledi' mattina interrompo (quindi ne ho prese 4) d' accordo con il medico per la comparsa di formicolio agli arti inferiori.
Venerdi' mattina tutto sembra migliorare e cerco di riprendere una normale attivita' lavorativa che non e' particolarmente pesante ma a causa prostatite tendo a rimanere in piedi piu' del solito.
Da venerdi' sera inizio a sentire rigidita', calore nei muscoli dell' interno coscia e nel polpaccio. Molto difficile dormire in questo stato , mi sveglio continuamente. I muscoli "tirano", ad oggi domenica non migliora e non ho ancora avuto modo di parlare col mio dottore per via del fime settimana.
Possibile che Ciproxin mi abbia causato tutto questo? Avete qualche opinione su che tipo situazione si tratti?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La tendinite è un noto effetto collaterale degli antibiotici chinolonici, come appunto la ciprofloxacina. Considerata la vastissima diffusione di questi antibiotici, diremmo che questo fastidioso effetto non sia molto frequente ed ancor più rare le complicazioni gravi (es. rottura del tendine d’Achille). D’ogni modo, quando la tendinite si manifesta è opportuno sospendere la terapia e, se ritenuto ancora necessario, sostituire con un antibiotico diverso. La tendinite ha poi in genere una evoluzione spontanea favorevole, anche se piuttosto lenta, eventualmente supportata da un terapia anti-infiammatoria, su cui ha maggiore competenza l’ortopedico. Sulla prescrizione di antibiotici nei quadri di prostatite , fatta eccezione per le forme acute febbrili, noi siamo notoriamente indirizzati alla massima parsimonia, poichè la nostra esperienza ci insegna che ben raramente i disturbi ne vengono modificati in modo significativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 530XXX

Dottore la ringrazio della sua rapida ed esaustiva risposta.