Utente 546XXX
Salve Buonasera,
Da 5 mesi a questa parte noto che quando vado a urinare si sente un forte odore di "cibo".
La prima parte delle minzioni è normale, priva di odore, mentre nella seconda parte è avvertibile l'odore che indicherò a breve. Come se qualcosa passasse attraverso l'urina, una parte più densa di urina, anche se le descrizioni sono molto complesse in questo caso.

Questa "cosa" ha un odore tendente al caramello, quindi abbastanza denso, nel caso in cui non consumo alimenti almeno per qualche ora. Se invece consumo alimenti, ad esempio nei pasti, avverto chiaramente l'odore Dell alimento che ho consumato.

Se ad esempio mangio cereali, come i fiocchi a colazione, avverto il passaggio nella seconda parte delle minzioni successive di odore farinaceo, tendente al dolce se ho mangiato frutta Nell insieme.
Se mangio acciughe avverto odore di acciughe. Se mangio riso avverto odore di amido.
Se mangio una banana avverto l'odore di banana.
Se mangio pesce, sempre per un periodo limitato che parte dalla seconda metà della minzione sento un odore acre tendente al sapore del pesce. E così via.

Questo odore, ripeto, è come un tratto denso che parte dalla seconda metà della minzione, sistematicamente tutte le volte che vado a urinare.

Ho avuto un incremento di creatinina (1,23) nei mesi precedenti dovuto a sovrallenamento e incremento proteico che ora sta piano piano scendendo (1,20, 1,18). Ho svolto una visita nefrologica dove sono stati testati proteine nelle urine, albumina, proteinuria, elettroforesi, urea, e tutti i parametri renali collegati a patologie. Usciti tutti nella norma.
Glicemia normale (88). Bilirubina diretta leggermente più alta (0.5)
Bevo 2+ litri di acqua al giorno.

Questo sintomo si è presentato la prima vktka a dicembre, e non accenna a diminuire.

Non so davvero cosa possa essere e come risolverlo.

Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La prima cosa che ci viene in mente è che lei abbia un olfatto particolarmente sviluppato e sia facilmente suggestionabile. Fra gli alimenti che inducono un particolare odore alle urine abbiamo presente solo gli asparagi, per il resti le urine possono avere un il loro odore tipico (sui generis) più o meno intenso a seconda della concentrazione. Pertanto, tanto più si introducono liquidi, tanto meno le urine saranno odorose. Tutto questo non ci pare possa avere alcuna relazione con discorsi sulla funzionalità, ne suo caso la creatininemia è certamente condizionata dalla dieta iperproteica e dal catabolismo muscolare.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 546XXX

Buongiorno dott. Piana, la ringrazio per la risposta.

Non credo che il mio olfatto si sia di colpo trasformato, non ho mai percepito nella mia vita l'odore sgradevole che percepisco ora durante le minzioni.
Io bevo molto quotidianamente, dai 2 ai 2,7 litri di acqua / the tisane al giorno.
La faccenda non cambia, anzi, più sono frequenti e durature le minzioni più perdura l'odore sgradevole, che ripeto, si presenta in aggiunta a quello sui generis dell'urina.
Ciò che invece cambia è il colore : più bevo più le urine sono chiare, ma questo credo sia normale.
Non reputo normale invece quanto descritto prima, accade anche dopo molte (6-12) ore di digiuno.
Ciò che avverto è proprio un odore sgradevole Dell urina. Pensavo fosse solo relativo al cibo ma è proprio un odore che si sovrappone a quello "comune" dell'urina, che prende anche con sé quello di alimenti che consumo, Nell insieme. Come descritto prima.
Volevo chiederle se esiste qualche controllo più approfondito che potrebbe fare luce e risolvere il problema.

Grazie in anticipo.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Forse lei assume quotidianamente integratori proteici? Aminoacidi?
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 546XXX

No, mai assunto integratori proteici. Quando mi allenavo prendevo le proteine dei piselli in un po' d acqua.
Ora sono 6 mesi che ho interrotto gli allenamenti e le proteine, e 4 mesi che mangio a 1g per kg corporeo per proteine.
La discesa della creatinina da 1,23 a 1,18 è da considerare normale in 4 mesi a questo regime?
Non potrebbe essere un problema di metabolizzazione o assimilazione degli amminoacidi contenuti negli alimenti?

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Un difetto metabolico dovrebbe avere avere una base genetica e quindi non avrebbe dovuto manifestarsi solo di recente. Continuiamo ad assere piuttosto scettici, d'ogni modo se ci si vuole avvicinare ad una risposta bisogna considerare le cose in modo scientifico, cercando di mettere in una relazione certa l'odore delle urine con l'assunzione di taluni alimenti. A parte gi asparagi, si considerano (sebbene in misura inferiore) i cavoli e lo stesso caffè. Il resto sta a lei dimostrarlo, comunque pensiamo davvero si tratti di una curiosità che nulla abbia ache fare con la funzionalità renale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 546XXX

Buongiorno dott. Piana, la ringrazio per la risposta.
Dimostrare questo sintomo è difficile, ma può credermi quando dico che il sintomo è reale. Si è presentato per la prima volta la mattina del 24 dicembre, quando mi sembrò di urinare "patè", dato il forte odore delle urine che richiamava questo particolare alimento. Non credo che si tratti di un potenziamento del olfatto, anche perché prima non avevo mai avvertito nulla di simile.
Una domanda da profano : posso togliere dalla mia testa la preoccupazione che le "maglie" renali si siano allargate e quindi composti minuscoli dei cibi finiscano nelle urine ma non tanto da lasciar passare le proteine?

Seconda domanda. Con una riduzione delle proteine e degli allenamenti, in quanto tempo è fisiologico aspettarsi una normalizzazione della creatinina e del filtrato, che è sempre stata sui 0 94 / 1 00 prima del precedente periodo di dieta ed allenamento durato 7 8 mesi?

Grazie in anticipo.

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lasci perdere queste fantasie sull'anatomia renale ...
Le alterazioni della creatinina sono state comunque modeste, diremmo che una stabilizzazione dovrebbe avvenire entro 8-12 mesi, tenendo cono che una parte della muscolatura ipetrofica andrà comunque riducendosi..
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 546XXX

La ringrazio per la celere risposta, almeno mi sono levato questo peso.
Il problema è che mi sono fatto molte preoccupazioni anche a causa di letture in internet e di affermazioni quali : "se la creatinina sale oltre la soglia consentita la funzionalità renale è persa al 40%" e così via.
Anche su questo posso stare tranquillo?

Non saprei a quale specialista (differente dal nefrologo) rivolgermi a questo punto, per risolvere o fare luce sul problema, che mi sta davvero togliendo la serenità psicofisica dato che non lo reputo assolutamente "nella norma".
Negli ultimi giorni ho avuto delle minzioni "pulite" e libere da questa cosa. E la differenza è enorme, e tangibile.

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E cosa ha mangiato in queste occasioni?
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 546XXX

Nulla di differente. Davvero non posso dire di avere modificato qualcosa nell alimentazione, ma sono state rilevanti perché non accadeva da tempo. Le due minzioni successive hanno invece ti-evidenziato il problema. Tuttavia queste due minzioni, lo ripeto, lo ho rilevate perché non accadeva da praticamente 5 mesi che non sentissi il sintomo descritto in precedenza.
Posso aggiungere che mangio quasi esclusivamente, relativamente ai cereali, cereali nella versione integrale, e quando mangio cereali nella versione "bianca" il sintomo mi pare leggermente più "attenuato", ma sempre presente.
Provo a descrivere il sintomo in un'altra modalità. Se sto bevendo un bicchiere d'acqua mi aspetto di sentire il sapore neutro dell'acqua. Se mentre bevo acqua ad un certo punto sento il sapore di vino, che poi piano piano torna ad essere acqua, si capisce che c'è qualcosa che non va.
La mia urina è sempre stata sui generis e "pulita", mai avvertito niente di simile in 30 anni prima di dicembre.
Ho sentito questa stessa cosa a volte anche al mattino dopo 10 12 ore di digiuno.
Ho ricercato questo sintomo sul web ma non ho trovato niente a riguardo. La mia preoccupazione è che, essendo ogni organismo differente dagli altri, possa esserci qualche problema non rilevabile degli esami svolti.

Mentre, relativamente al fattore creatinina e riduzione del 40% della funzionalità renale, nozione che si trova nella pagina di Wikipedia, senza aggiunta alcuna, come dovrei prenderla? Premetto che la mia alterazione è stata causata da proteine ed allenamenti, e non da cause di malattie come diabete o ipertensione.

[#11] dopo  
Utente 546XXX

Buongiorno dott. Piana, non ho più ricevuto feedback al mio ultimo messaggio, so di essere stato alquanto prolisso, e la ringrazio per tutte le risposte offerte alle mie precedenti questioni, ma su quella relativa all'ultimo messaggio posso stare tranquillo?

Grazie mille in anticipo.