Utente 498XXX
sono un ragazzo di 37 anni nato prematuro di 7 mesi e con sofferenza neo natale che ha portato una disabilità del 100% con accompagnamento e molteplici problemi -
io credo che una persona quando nasce nel corso del tempo il fisico si sviluppa, ma nel mio caso qualcosa si è interrotto.
fatta questa premessa è successo che mercoledì mattina sono andato al pronto soccorso perché avevo estrema difficoltà ad urinare ho chiesto di mettere il catetere e dopo le varie verifiche hanno valutato che era necessario metterlo dopo hanno fatto il prelievo del sangue e analisi dell’urine e mi hanno mandato dall’urologo- l’urologo mi ha consigliato di tenere il catetere ancora per qualche giorno e dato una cura per 40 giorni che ho interrotto per dolori allo stomaco dato che un’ ernia iatale e dei polipi gastrici cistici anartomatosi-
io penso che essendo nato prematuro di 7 mesi e avendo riportato un trauma alla nascita che il mio apparato urinario abbia delle imperfezioni o malformazioni o difetti, qualche anno fa ho fatto le analisi delle urine per vedere la percentuale di micro ematuria è saltato fuori un valore molto alto ipotizzo che quando faccio la pipi non urino sangue però secondo me perdo sangue da qualche parte in più ho la sensazione quando urino che qualcosa si restringe adesso tendo a sudare tanto e mi sento disidratato in più la mattina sento il pene che si irrigidisce e lo sento gonfio e questo comporta difficoltà nel fare la pipi - chiedo se ci sono gli elementi necessari secondo voi per sostenere una cistoscopia unica strada percorribile e più breve per andare in fondo e capire cosa c’e che non va- aspetto notizie saluti saluti

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La sua situazione è certamente complessa e merita di continuare ad essere valuatta direttamente da un nostro Collega specialista in urologia. Ovviamente il periodo di cateterismo ha ovviato alla complicazione contingente (ritenzione), senz'altro sono necessari ulteriori accertamenti e possibili terapie. A distanza non possiamo dirle molto di più.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 498XXX

grazie per la disponibilità cercherò di fare altri accertamenti per far emergere il problema, in sintesi quando urino si genera ritenzione e con il passare del tempo si genera, detto in maniera semplice un intasamento e c’e bisogno di intervenire con il catetere- c’e da considerare che ho una rigidità muscolare causata dal trauma di nascita

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ovviamente non può essere lei a decidere che percorso diagnostico seguire. E' invece essenziale che lei venga seguito direttamente da un nostro Collega con specifiche competenze nell'urologia funzionale (c.d. neuro-urologo).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 498XXX

si ma dopo che sospeso i farmaci ho ripreso la normale motilità intestinale e prima che l’urologo mi prescrivesse i 2 farmaci Permixon compresse e topster supposte ho specificato che non avrei proseguito la cura per difficoltà nella deglutizione e poi le supposte mi hanno dato fastidio essendo cortisone ho chiesto espressamente qualcosa di solubile ma niente quindi faccio esami diagnostici esame urine e flussometria e poi torno da l’urologo saluti alfredo

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Esistono in commercio preparati solubili di integratori alimentari contenenti l’estratto di palma nana. Si tratta comunque di prodotti indirizzati al trattamento di disturbi prostatici legati all’ingrossamento benigno dell’età matura, e comunque con una efficacia tanto variabile quanto imprevedibile Il loro impiego in altre situazioni é discutibile dal nostro punto di vista. non pensiamo si possa andare oltre un effetto palliativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 498XXX

anche se devo ripetere esame completo urine e flussometria, son sicuro che ho una stenosi dell’uretra perché urino molto poco e devo spingere molto per far fuoriuscire l’urina purtroppo il mio organismo non va d’accordò con i farmaci speriamo bene, la ringrazio molto per la sua disponibilità