Utente 217XXX
Egregio Dottore,
Vorrei chiederLe un consiglio dopo la visita dallo specialista fatta da mio marito che ha 63 anni.


Referto:

Patologie pregresse:
Frattura femore dx 10 anni fa.

In terapia da molti anni con UNOPROST
Nega allergie
Disturbi attuali:
Peggioramento ingravescente della minzione con pollachiuria, nicturia 2 volte, getto minzionale filiforme e intermittente.

Ha provato ad assumere AVODART e FARALZIN da settembre 2019 con peggioramento dei sintomi, per cui è tornato a UNOPROST.

È intenzionato ad operarsi.

Ect prostata tr del 2017: ml 65
PSA 4 ratio 16% (PSA in graduale aumento)
Esame obiettivo: Ect prostata sp: prostatomegalia aggettante in vescica con DT 55.

ER: Prostata 1x3 aumentata di volume, parenchimatosa, liscia, mobile, margini distinti, non dolente, no focalità.

Apparato sessuale: nulla di patologico

Si consiglia:
Esami pre-operatori:
1) RMN multiparametrica della prostata
2) URO-TAC cmdc
Diagnosi: Ipertrofia prostatica.

Sospetto diagnostico:

Vorrei un Vostro parere se c'è bisogno di operarsi o meno.


La ringrazio.


Cordiali Saluti.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La necessità di un intervento in questi casi non dipende tanto dal risultato degli accertamenti, ma dai disturbi che poco nulla ormai rispondono alla terapia farmacologica adottata. Sulla fastidiosità di questi disturbi solo ed esclusivamente suo marito è in grado di giudicare. Il vostro specialista è molto puntiglioso e richiede di completare gli accertamenti con esami approfonditi che forse altri urologi riterrebbero ridondanti, ma su questo ovviamente ognuno agisce in base alle proprie abitudini ed esperienze.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 217XXX

Egregio Dott. Piana,
Intanto La ringrazio per la risposta, Le scrivo nuovamente perché mio marito ha effettuato gli esami consigliati dall'urologo, ovvero la URO-TAC cmdc e la RMN multiparametrica della prostata. Ecco i referti:

URO-TC

L'esame, eseguito con tecnica spirale senza e con infusione e.v. di m.d.c. mostra:

reni in sede, nei limiti morfo-dimensionali e con aspetti funzionali congrui, esenti da lesioni a carattere
infiltrante, ove unicamente si segnala formazione cistico-corticale polare inferiore a destra di 3 cm di
diametro massimo, di tipo semplice; non inclusi nefro-litiasici né segni di urostasi, con vie uro-escretrici a tutti
i livelli non ectasiche.

Regolari i surreni; non abnormi dilatazioni dei principali vettori vascolari.

Vescica ben distesa, d'aspetto debolmente ipotonico, a pareti regolari, improntata, al pavimento, dal lobo
medio della prostata, quest'ultima in discreto incremento dimensionale (volume di 80 cc circa), a struttura di
base sostanzialmente omogenea, priva di macro-nuclei calcifici intra-parenchimali, in sostanziale integrità
della limitante capsulare; adeguato trattamento alla luce dei rilievi clinici e bio-umorali specifici, con
riferimento preminente al dosaggio ormono-specifico (PSA).

Fegato in discreto incremento dimensionale e struttura di base debolmente attenuata, steatosico di medio-
basso grado, nel cui contesto non si osservano lesioni focali.

Colecisti ben distesa ed a pareti regolari, indenne da inclusi litiasici calcifici; vie biliari non dilatate.

Milza eumorfica, omogenea con pancreas ad armonica rappresentazione dell'archistruttura micro-acinare,
ove non si rilevano espansi ghiandolari intrinseci; asse spleno-portale ben opacizzato.

Non versamento libero né adenopatie dimensionalmente significative in addome.

Valutazione clinico-specialistica


RM PROSTATA MULTIPARAMETRICA S/C MDC

Esame condotto prima e dopo infusione di mezzo di contrasto con apparecchio ad alto campo per la valutazione multiparametrica della prostata.

Diametro massimo trasverso 63.6 mm
Diametro antero-posteriore 52 mm
Diametro longitudinale 75.6 millimetri

Volume 130 cc

Zona periferica regolare sostanzialmente omogenea.

Zona di transizione ipertrofica multinodulare senza segni di restrizione del segnale nelle sequenze in DWI.
Non si apprezzano aree di patologico potenziamento dopo mezzo di contrasto.

Regolare l'angolo retto prostatico e il fascio vascolonervoso.
Non versamento.
Non linfocentro ingranditi

Pl-RADSv2: 3


Egregio Dottore, cosa riscontra da questi due esami effettuati da mio marito, ci sono probabilità che sviluppi un tumore maligno, deve operarsi?

La ringrazio anticipatamente per la risposta.

Cordiali Saluti.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La risonanza magnetica è sostanzialmente negativa, la TC conferma l'ingrossamento prostatico, il PSA è entro limiti accettabili. Le indicazioni ad un intervento endoscopico disostruttivi dipendono essenzialmente dall'entità dei disturbi e dalla loro risposta alla terapia farmacologica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 217XXX

La ringrazio Dott. Piana per la celere risposta, vorrei chiederLe una cosa, Lei dice che "la risonanza magnetica è sostanzialmente negativa" ma mi chiedo allora perché nel referto della risonanza magnetica c'è scritto "Pl-RADSv2: 3" che equivale a un rischio intermedio, la presenza di un tumore clinicamente significativo è incerta (50%), se è negativo come dice Lei i valori di PI-RADS v2 dovrebbero essere di 1 (molto basso) o 2 (basso).

Vorrei sapere se ci sono altri esami specifici che mio marito può fare oltre alla RM Multiparametrica per togliere l'incertezza?

Può darmi delucidazioni in merito?

La ringrazio ancora.

Cordiali Saluti.