Esame istologico tumore vescica

Buongiorno,
mio padre 76 anni gli è stata asportata una neoplasia di circa 2 cm.
Esame istologico: quadro del carcinoma uroteliale papillare di alto grado (sec WHO/ISUP 16) non infiltrante il connettivo suburoteliale.
Tonaca muscolare indenne.
Nella lamina propria si osserva moderato infiltrato infiammatorio linfocitario.

Vorrei sapere che stadio è (ptaG3?) le istillazioni BCG potranno essere risolutive?


Grazie per la risposta
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 26,9k 1,3k 15
La stadiazione dovrebbe appunto essere pTaG3, ovvero una manifestazione in cui generalmente si esegue l'immunoprofilassi con le instillazioni di BCG. Queste nella ormai lunghissima esperienza si sono dimostrate in grado di ridurre il rischio di recidive tumorali in altri punti della vescica. D'ogni modo sarà essenziale un programma di controlli endoscopici ed ecografici cadenzati per i prossimi 5 anni, anche in assenza di recidive,

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dott.
Unica cosa : perché dovrebbe ptaG3 ?
Potrebbe T1G2?
Ma alla fine credo cambi poco o sbaglio ?
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 26,9k 1,3k 15
"Ta" in quanto il connettivo sub-epiteliale non è interessato. Almeno, questo è quanto lei ci ha riferito. La differenza tra Ta e T1 esiste tanto più le lesioni sono numerose ed il loro tasso di recidiva è elevato.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore
la lesione era una 2cm x 0,8 e le ho riportato proprio quanto nell’esame istologico.
Farà BCG e poi Mapping dopo di che proseguiremo.
Abbiamo probabilità di superarlo?
[#5]
Dr. Paolo Piana Urologo 26,9k 1,3k 15
La "malignità" di queste lesioni non sta nell'invasione locale dei tessuti, che di fatto non esiste, o nello sviluppo di metastasi a distanza, ma nel rischio di ripresentarsi in altri punti delle vie urinarie (principalmente della vescica). per questo motivo il controllo assiduo è essenziale, al di là di qualsiasi altro provvedimento terapeutico.

Dr. Paolo Piana
Responsabile Trattamento Calcolosi Urinaria A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.paolopianaurologo.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la consulenza

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio