Urocoltura e spermiocoltura

Salute a tutti,

colgo l'occasione per ringraziare tutti i medici del forum che si prestano a rendere possibile questo utilissimo servizio.

Ho aperto questo consulto perchè gradirei riuscire ad avere una risposta definitiva sull'interpretazione degli esiti degli esami "urocoltura" e "spermiocoltura".

Da 3 anni sento opinioni discordanti dai medici che consulto (urologi, gastroenterologi, internisti, medici di base, etc), quasi che si trattasse di una preferenza personale del singolo medico!

L'urina e lo sperma devono essere sterili? Si o no?

[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Caro lettore ,

certo che devono essere sterili, cioè senza microrganismi patogeni.

Il problema è la facile contaminazione di questi campioni che può determinare più problemi di interpretazione sui risultati.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Sì, devono essere sterili. Ma spermiocoltura ha falsi positivi (può indicare infezion quando non c' è) meno urocoltura.
[#3]
dopo
Attivo dal 2008 al 2011
Ex utente

Nel mio caso si parla dei seguenti micro-organismi:
- escherichia coli
- enterococchi
- proteus
- stafilococco epidermidis
- pseudomonas

sono da considerarsi patogeni?

Posso dedurre che anche il "tampone uretrale" dovrebbe essere sterile?

[#4]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Caro lettore ,

alcuni microrganismi citati sono molto patogeni e quindi in diretta deve risentire il collega urologo od andrologo che ha dato l'indicazione a fare questi esami.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#5]
dopo
Attivo dal 2008 al 2011
Ex utente

Egregio dottore, la ringrazio per la sua chiarezza (dote rara tra i medici che ho incontrato in questo calvario).

Ci tengo a sottolineare che:

1) Lo "pseudomonas" risultava presente alla prima spermiocoltura e in seguito a 10gg di ampicillina non si è mai più fatto rivedere. Forse si era trattato di contaminazione del campione.

2) Lo Stafilococco epidermidis risulta sempre presente nella urinocoltura e spermiocoltura. (Alcuni laboratori a cui mi sono rivolto non lo cercano/segnalano dicendo che tanto non è patogeno)

3) Proteus, Escherichia coli e Enterococchi si alternano nell'urocoltura e spermiocoltura. Generalmente ne sono presenti due.

4) Il tampone uretrale (fatto solo una volta) aveva mostrato presenza di Proteus e Enterococco Fecalis.


In base alla sua esperienza, è più affidabile per impostare una corretta terapia la coltura (urine/sperma) o il tampone uretrale?


[#6]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
caro lettore ,

dipende sempre dalla situazione clinica sempre particolare ed individuale che si presenta .

In alcuni casi è più attendibile un'urinocoltura, in altri una spermiocoltura ed in altri ancora un tampone uretrale.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#7]
dopo
Attivo dal 2008 al 2011
Ex utente
Egregio dottore,

nel mio caso la situazione è strana...

Raramente ho fastidio alla prostata, questo capita solo dopo ripetuti rapporti, o se ho rapporti tutti i giorni per 3/4 giorni a fila. Allora può gonfiarsi un po', con leggero fastidio quando mi siedo.

Però, la miglior descrizione del mio problema è legata ai vasi deferenti, in particolare del testicolo sinistro. Essenzialmente la parte "sotto" al testicolo, il tubicino, diventa più rigido (infiammato?) in seguito all'eiaculazione.

Per cui avrei 2 domande:

1) In che direzione passa il liquido all'interno dei vasi deferenti? Solo dal testicolo in su, o anche dalle vescichette seminali in giù?

2) E' possibile che l'infezione sia principalmente nelle vescichette seminali e non nella prostata? C'è un metodo per verificare?

Grazie per la pazienza.

[#8]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,9k 1,2k 1k
Caro lettore ,

la "direzione" del liquido seminale, se non ci sono problemi uro-neurologici è sempre dai deferenti verso le vescicole seminali.

All'ultima domanda invece le rispondo che difficilmente si ha solo una vesciculite senza una prostatite e/o viceversa.

Uno dei metodi diagnostici "complicato" ed usato in questi casi, per fare una diagnosi differenziata, può essere considerato il test di Meares-Stamey.

Su questa indagine "complessa" chieda più informazioni precise ed in diretta al suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com



Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test