melanoma

Mappatura dei nei con "l'occhio digitale" e accuratezza diagnostica

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 01 febbraio 2015Ultimo aggiornamento: 16 dicembre 2020

Al netto della scienza dermoscopica, che consente al Medico Chirurgo, Specialista in Dermatologia e Venereologia di possedere un "expertise" peculiare dedicato alla valutazione della struttura microscopica di superficie delle lesioni cutanee, possiamo dire che le nuove tecnologie hanno sicuramente permesso di fare molti passi avanti per quanto riguarda la mappatura dei nei.

Nuove strumentazioni digitali per mappare i nevi

Ad oggi i dati [1] consegnano agli specialisti delle nuove linee guida sul management delle lesioni ad alto rischio melanoma, ma anche la teoria ha bisogno di essere messa in pratica al meglio. Si è passati quindi dalle prime sonde via cavo che permettevano risoluzioni buone ma non ottimali, fino alle ultime strumentazioni digitali, che permettono di collegarsi in diretta via wi-fi al pc utilizzando una altissima qualità di immagine (12-18 megapixel).

Cosa significa avere una "High Quailty Definition Dermoscopy"?

Sicuramente vuol dire molto in termini di analisi delle microstrutture superficiali dei "patterns" dermoscopici, al fine di effettuare delle diagnosi sempre più precoci, anche delle minime variazioni in senso patologico delle stesse.

Ad oggi togliere un melanoma cutaneo iniziale significa salvare la vita a un paziente, così come per altri tumori cutanei, come il carcinoma basocellulare e soprattutto il carcinoma spinocellualre o il morbo di Bowen.

Allostesso modo effettuare un intervento inutile (nel dubbio diagnostico) aumenta di molto la spesa sanitaria e l'impatto sociale sul paziente stesso: ecco perché una maggiore accuratezza diagnostica significa più tutela della salute e minor spesa sanitaria.

Di seguito un esempio di immagini per diagnostica digitale:

Diagnosi melanoma

Fig.1 Rete Ridges: nevo giunzionale

Melanoma immagini diagnostiche

Fig.2 Strutture a globo rete ridges e punti in un Nevo composto

Diagnosi digitale melanoma

Fig.3 "dots" vascolari in un nevo in maturazione (pink lesion)

Diagnostica digitale melanoma

Fig.4 Lesione Melanocitaria atipica variata da precedente controllo 

Occhio digitale per diagnosi melanoma

Fig. 5 Morbo di Bowen (Carcinoma Spinocellulare in situ)

[1] Clinical practice guidelines for identification, screening and follow-up of individuals at high risk of primary cutaneous melanoma: a systematic review


Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche melanoma 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Altro su "Melanoma"