Il varicocele consiste in una dilatazione delle vene del funicolo spermatico,più frequente a sinistra. E' una patologia che interessa prevalentemente la fascia di età dai 15 ai 25 anni,non essendo raro però anche nei ragazzi di 13-14 anni. Questa patologia può passare spesso inosservata,dato il frequente rifiuto del bambino nel farsi controllare. L'importanza di una diagnosi corretta consiste nel fatto che, tale anomalia pùò determinare effetti negativi sulla fertilità,provocando una subfertilità per oligospermia,cioè per ridotta produzione di spermatozoi.

Il varicocele è spesso asintomatico oppure può dare sintomi lievi ed aspecifici che possono essere sottovalutati dal ragazzo;quali sopratutto un lieve senso di peso al testicolo o una lieve dolenzia. Non tutti i varicoceli vanno trattati chirurgicamente. L'indicazione all'eventuale intervento deve essere stabilita dal chirurgo pediatra.

Il varicocele si diagnostica visitando il bambino in posizione eretta e palpando lo scroto. Quando si reperta alla palpazione una tumefazione molle ,simile ad una massa di vermi,dovuta ad una tumefazione serpiginosa delle vene,la diagnosi è quasi certa. Il passaggio successivo è l'esecuzione di indagini quali: ecografia,ecodoppler del funicolo spermatico e a volte può essere necessaria una flebografia dei vasi spermatici.

La raccomandazione quindi ai genitori è quella di non assecondare il ragazzo nel rifiuto di farsi visitare,ma parlargli del problema in modo calmo e convincente.