Dal mese di febbaio 2011, a Pitigliano in provincia di Grosseto, è attivo il primo Ospedale pubblico di Medicina Integrata. E' la prima volta in Italia che in un Ospedale pubblico vengono inserite la medicina Omeopatica, l'Agopuntura e la Fitoterapia.

Tutto questo è stato possibile grazie ad una legge Regionale della Toscana che ha voluto aprire un reparto Ospedaliero all'integrazione tra la medicina accademica e le medicine Complementari. Si tratta di un progetto ambizioso in cui sia nei reparti ospedalieri al letto del malato sia negli ambulatori è possibile sperimentare l'efficacia, la sicurezza e il possibile risparmio della spesa sanitaria applicando la terapia omeopatia, l'agopuntura e la fitoterapia.

Il Centro Ospedaliero di Medicina Integrata dell'Ospedale di Pitigliano, che fa parte della ASL9 di Grosseto, prevede di fornire un servizio sia assistenziale che di ricerca clinica per verificare la possibilità di offrire ai pazienti una consulenza integrata nell'ambito di alcune patologie diffuse nella popolazione come le malattie gastroenteriche, broncopolmonari, dermatologiche, allergiche, artroreumatiche, e nel dolore cronico. Inoltre l'integrazione viene anche inserita nella riabilitazione ortopedica e neurologica presso il presidio di medicina riabilitativa di Manciano.

Per accedere ai servizi di medicina integrata è sufficiente prenotare al CUP della ASL9 di Grosseto al nr.0564 483500.Ulteriori informazioni al centralino del Centro Ospedaliero di Medicina Integrata di Pitigliano 0564 618111, o via e-mail medicinaintegrata.pitigliano@usl9.toscana.it