Utente 129XXX
Salve mia madre ha 61 anni ed è ha il diabete mellito tipo 2 in cura con ipoglicemizzanti orali. Da circa 15 giorni è sotto cura antibiotica per una otite media acuta purulenta.Nonostante il dosaggio degli antibiotici sia elevato questa infezione non accenna a migliorare,e l'otorino ci ha detto che il diabete non favorisce la guarigione.Volevo un Suo parere a riguardo.La ringrazio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, sicuramente la condizione diabetica non facilita le guarigioni dei processi infettivi, così come facilita alcune infezioni, ma ciò è assolutamente vero quando è in fase di scompenso. Tra l'altro il rischio è che si inneschi un circolo vizioso, l'iperglicemia favorisce le infezioni e le infezioni favoriscono l'iperglicemia. Questo "loop" va necessariamente interrotto. La mancata risposta alla terapia antibiotica nel caso di sua madre, può dipendere da questo, o dal tipo d'infezione che non è sensibile all'antibiotico prescritto. Se desidera, sia più dettagliata, indicando il grado di compenso glicometabolico (HbA1c, valori glicemici, ecc), il tipo di terapia antidiabetica e di terapia antibiotica, e se è sono state fatte altre indagini. Sarò felice di risponderle al più presto.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la disponibilità.Le ultime analisi di mia madre risalgono al dicembre del 2008 e l'hb glicosilata era 7.3.Per quanto riguarda la terapia assume novonorm 2 mg (2compresse a colazione, 2 a pranzo e 2 a cena) e metfonorm 1000mg (una compressa a pranzo e una a cena).A casa abbiamo l'apparecchio per misurare la glicemia e quindi la controlliamo spesso,diciamo che nonostante la terapia la glicemia è sempre intorno a 200,ma molte volte anche di più fino a 300 e raramente anche 450.Tengo a precisare che mia madre è una forte fumatrice(fuma da 20 anni più di 40 sigarette al dì) ed è un pò (non eccessivamente) in sovrappeso(presenta solo adipe sull'addome).Conduce un'alimentazione equilibrata infatti colesterolo e trigliceridi sono nella norma.Abbiamo notato che ci sono dei rialzi notevoli della glicemia in seguito a periodi di stress psico-fisico(come èavvenuto ultimamente per problemi familiari).La cura antibiotica èstata 10 gg di Glazidim 1gr intramuscolare 2volte al dì e poi 7 gg di tavanic 500mg 2 volte al dì.Proprio oggi l'otorino ci ha detto di sospendere momentaneamente l'antibiotico e fare un tampone auricolare più antibiogramma.La ringrazio.Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, sicuramente effettuare il tampone auricolare, metterà il Collega in condizioni di prescrivere una terapia antibiotica mirata che potrà guarire sua madre. Per quanto riguarda la conduzione del monitoraggio della malattia diabetica, le dico che non va affatto bene. Il dosaggio di HbA1c deve essere eseguito ogni tre mesi, questo perchè può consentire l'eventuale aggiustamento terapeutico necessario, nei tempi corretti. Ormai noi medici abbiamo come obiettivo la riduzione del danno che si può esplicare solo con la prevenzione.Nulla da dire sulla terapia in atto seguita la repaglinide (NOVONORM) e la metformina sono sicuramente delle scelte terapeutiche efficaci, il punto è che in questo momento non sembrano riuscire a determinare un compenso glicometabolico adeguato. Questo in primo luogo perchè durante un'infezione il fabbisogno insulinico aumenta e una terapia che prima andava bene, può in questi momenti non essere efficace. In questo caso è buona norma passare temporaneamente ad un trattamento insulinico, per poi riprendere la terapia abituale una volta superato il processo infettivo. Le consiglio di parlarne con il Collega Diabetologo che ha in cura sua madre.
Cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore io so che il dosaggio dell'emoglobina glicosilata andrebbe eseguito ogni tre mesi ma mia madre è un pò restìa a fare le analisi e se Le devo dire la verità non è in cura da un diabetologo,questa terapia gliel'ha prescritta il nostro medico di famiglia.Provvederò al più presto a rivolgermi ad un diabetologo.In realtà per quanto riguarda il compenso glicometabolico devo dirle che aldilà di questa infezione (che ha da 15gg)la glicemia non èmai normale,quindi penso che questa terapia più di tanto non faccia effetto.Anche perchè si sono già manifestate le prime complicanze del diabete a lungo termine.Mia madre ha già subito intervento alla cataratta ad entrambi gli occhi,inoltre ha delle manifestazioni cutanee(che il medico di famiglia attribuisce al diabete) nella regione distale della gamba,vicino la caviglia.Cercherò di convincere mia madre a rivolgersi ad un esperto.La ringrazio.Cordiali Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, senza nulla togliere al Collega Curante, determinate condizioni vanno valutate con lo specialista. A maggior ragione che lo stato di scompenso è precedente all'infezione e già sono presenti alcune complicanze. Non disperi, ma agisca.
Cordialmente
[#6] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per i consigli.Cordiali Saluti