Utente 133XXX
Buon Giorno.

Sono un ragazzo di 27 anni e ultimamente(ultimi due mesi)ho riscontrato alcuni problemi nell erezione.
Da poco sto insieme a questa ragazza e mi ci trovo benissimo sia dalla mia parte che dalla sua ma nelle tre situazioni in cui ci siamo trovati di fare sesso ho avuto due problemi che non mi erano mai successi prima.
nella prima situazione sono arrivato prima all orgasmo senza arrivare neanche all atto e non sono riuscito diciamo a ricaricare per riprovare pero' li per li ho pensato che fosse perche' era un po' di tempo che non avevo rapporti e ho dato la colpa quello.
Nella seconda e nel terza situazione invece ho notato che pur avendo lo stimolo non avevo un erezione abbastanza sufficente per andare avanti anche se in un paio di occasioni nel corso del rapposto veniva un leggera erezzione per poi svanire poco dopo.
La cosa strana che ho notato che durante i preliminari avevo una erezione regolare ma in tutti e dui i casi quando indossoavo il profilattico svaniva(l erezione)nel giro di uno o due minuti e non riesco a spiegarmelo senza riuscire piu' ad acquistarla.
Premetto che nn ho mai avuto prima d ora nessun problema di questo tipo perche prima di mettermi assieme a questa ragazza ho avuto un rapporto sessuale unico con un altra e e' stato tutto nella norma.
Ovviamente ora mi e' venuta la paranoia di non riuscire piu ad andare oltre e sono sempre li con la testa quando mi trovo in quei momenti e sicuramente l ansia mi gioca un brutto scherzo e sopratutto anche il fatto di fare un certo tipo di figura con il partener.
Ce' da dire anche una cosa lei ha 21 anni e e' vergine e mi e' venuto il dubbio che inconsciamente sia quello il problema che mi blocca..del tipo ansia da prestazione nei suoi confronti..?
spero in una vostra risposta
Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le Sue intuizioni circa il disagio relativo ad indossare il profilattico,come quello al momento della penetrazione,possono essere esatte ma vanno,necessariamente,confermate da un esperto andrologo che,viste anche le relative esperienze che ha avuto,assieme alla diagnosi,Le dia i corretti consigli,eventualmente,terapeutici.Se il problema persiste,e' corretto sentire anche il parere di uno psicosessuologo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta tempestiva ora vedro' di muovermi di conseguenza.
In ogni caso comunque ho letto parecchi post di utenti con le relative risposte e spero di non essermi fatto condizionare pero' ho notato parecchie somiglianze di altri casi del genere e anche se so benissimo che un autodiagnosi non e' una cosa da prendere in considerazione perche e' sempre meglio avere una risposta da uno specialista come indicato sempre dalle vostre risposte,diciamo che pensando bene alla mia situazione di ora e delle esperienze passate che ho avuto mi viene da pensare che il problema derivi particolarmente dallo stress(se si puo' definire cosi..)e dalle paranoie che mi faccio per le brutte figure che ho fatto e che potrei fare piu' tosto che da un problema fisico.
Anche perke' ho notato che la cosa che piu' mi da fastidio non e' tanto il mio problema di non riuscire nel atto ma come la pensa l altra parte e del opinione che si potrebbe fare nei miei confronti.
Sopratutto per la storia del profilattico visto caso nelle passate esperienze sono sempre stato abituato ad avere il partner che usava la pillola.
Comunque in ogni caso penso che la cosa migliore sia quella di rilassarsi il piu' possibile e come ho detto prima vedro' di avere una risposta piu'precisa da uno specialista,mi chiedevo solo se questo ragionamento che ho fatto puo' essere valido secondo la vostra opinione.
Grazie Ancora!!