Utente 593XXX
Salve, vi descrivo brevemente la mia situazione molto complicata.
Circa due anni fa ho avuto un contatto col sangue della mia ragazza tramite bocca.
Dopo 20 giorni ho cominciato ad avere vari problemi, un'afta sul palato e bruciore, lingua bianca e sapore amaro in bocca, dolori alle tempie e articolari, e si è gonfiato un linfonodo sul collo dal lato destro.
Non ho avuto febbre in questo periodo, ho avuto diarrea e areofagia.
Ho fatto le analisi del sangue dopo un mese e i linfociti erano molto bassi, circa il 30% su una media di 50%.
Col passare del tempo ho iniziato a pensare all'hiv.
Alcuni dottori mi hanno detto che poteva essere mononucleosi perchè nel frattempo ho fatto 3 test per l'hiv, a tre mesi, a quattro mesi e a sei mesi tutti negativi col metodo elisa.
Non sono mai migliorato, sono sempre stanco, ho i linfonodi gonfi sul collo a destra e sinistra e anche sottomandibolari, dietro l'orecchio e dietro il collo con rigidità dello stesso.
Sento anche le ghiandole del collo gonfie, e dolenti ogni tanto.
A volte sento fastidio ad inghiottire e adesso sento un dolore sul lato sinistro del collo molto forte.
Ho fastidio anche ai linfonodi sotto le ascelle.
Ho sempre gli occhi rossi e le gengive molto sanguinanti come mai prima.
Non sò più cosa pensare, sicuramente sarà hiv perchè le ghiandole sono sempre gonfie ogni giorno di più quindi c'è un'infezione in atto.
Cosa potete gentilmente dirmi in proposito e cosa mi consigliate di fare?
Ho intenzione di fare una ecografia al collo.
Vi ringrazio anticipatamente.
Saluti.
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

Escludo l'HIV, perché i relativi tests a 3-4-6 mesi sono risultati negativi.
Ne ha fatti ben tre e ben distanziati nel tempo: TRANQUILLO!

Si tratta, quindi, di altra malattia o anche di niente.
Per accertarlo, deve consultarsi con il suo medico curante per valutare i test di altre malattie infettive.

Sulla ecografia del collo, questa può darle indicazioni solo sullo stato morfologico e strutturale dei linfonodi, ma non su una eventuale causa infettiva del loro rigonfiamento. Ma anche per questo, deve consultarsi con il suo medico curante.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 593XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore grazie per la risposta.
Ho svolto altre analisi per toxoplasma, citomegavirus e mononucleosi tutti negativi.
Il test per la mononucleosi mi diceva di averla avuta in passato.
Il mio medico curante non sà più cosa pensare e neanche io, mi sembra qualcosa di degenerativo perchè mi sento sempre peggio, sarà un paio di mesi che ho anche problemi respiratori, carenza di fiato e fitte sulla sciatica destra di cui non avevo mai sofferto in passato.
Oltre l'ecografia al collo, rifarò le analisi del sangue e urine e anche il test Hiv.
Le farò sapere, grazie di nuovo.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 593XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore,
oggi ho effettuato l'ecografia al collo come le dicevo.
Ho parecchi linfonodi gonfi e reattivi, dal lato destro uno di 1,8 cm mentre a sinistra addirittura di 2,5 cm. Mentre ne ho uno dietro il collo di 0,5 cm.
Ho prenotato le analisi del sangue ma ci vorranno alcuni giorni.
Volevo farle una domanda particolare:
nella mia vita fino a 2 anni fa mi sono ammalato pochissimo e raramente e forse avevo le difese immunitarie forti(adesso non più), è possibile secondo il suo parere tecnico che ci possa essere una sieroconversione oltre i sei mesi che è il periodo in cui ho fatto l'ultimo test Hiv?
La ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Potendo ragionevolmente escludere l'HIV, bisogna cercare altre cause per i suoi linfonodi infiammati.
Bisognerà capire il risultato delle altre analisi del sangue, compresi l'emocromo e gli indici infiammatori.

Non è un problema risolvibile con un consulto on line, che può dare solo qualche orientamento ma non una diagnosi.
[#5] dopo  
Utente 593XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore la ringrazio,è certamente qualcosa di più complicato.
Le scriverò i risultati delle analisi del sangue e delle urine tra una decina di giorni.
Cordiali saluti.