Utente 115XXX
Egregio Dottore, mia mamma 80enne è un soggetto molto restio ad assumere farmaci per via orale. Attraverso tale somminastrazione è facilmente colta da vomito e rigetta tutto quanto appena assunto. Mi rendo conto della probabile componente pisicologica del problema ma fatto è che ciò le è di grave impedimento in caso di bisogno.

Attualmente ha avuto una bronco-tracheite è sta facendo iniezioni i.m. di Rocefin 1 g. a cui associa mezza fiala di Plasil per episodi di vomito che accusa. Avrebbe anche bisogno di assumere Oki e Sobrepin (sempre fiale e metà dose per volta)). Per riservarmi la sede intramuscolo per il solo Rocefin volevo sapere se Oki e Sobrepin potevano essere somminstrati per via sottocutanea (zona braccio o coscia). Ho letto che tale somministrazione è controinidicata per farmaci in dose superiore ad 1 ml., è vero, quali sono le controindicazioni? Un grazie anticipato.
[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Buon giorno,
ogni preparazione farmaceutica ha le sue vie di somministrazione e per quanto riguarda i due farmaci da lei indicati,non hanno l'indicazione alla somministrazione sottocutanea. Può, se sua madre le tollera ,somministrarle come supposte, scegliendo un altro antiinfiammatorio. Capisco che l'assunzione per via orale agli anziani a volte può risultare difficile.Faccia fare a sua madre un emocromo, una sideremia con transferrinemia e ferritinemia, ves,pcr etc. Un'anemia ipocromica talvolta può far accentuare la nausea ed il vomito e talvolta un supporto di vitamine del complesso B ridurla.Cordiali saluti.