Utente 528XXX
Salve avrei bisogno di un consulto. Vi racconto la mia storia. Lo scorso maggio ho avuto un incidente al lavoro in pratica allo scoppio di una birra uno dei vetri mi ha tagliato una vena del polso dx e per poco ho rischiato di morire perchè ovviamente ho perso molto sangue. Questo episodio mi ha lasciata molto molto scossa soprattutto nel periodo successivo all'incidente perchè avevo la fobia che la vena si potesse riaprire. Passato un poco di tempo la mia vita è stata sconvolta da una chiamata di lavoro in un'altra città per cui io nel giro di 10 giorni mi sono ritrovata catapultata in una città nuova, un lavoro nuovo, nuova casa, nuovi amici. Dopo circa dieci giorni subisco una rapina a mano armata (io lavoro in un supermercato). Quel giorno era il mio secondo giorno di ciclo che probabilmente in seguiro alla paura scompare per poi ricomparire dopo qualche giorno a mo' di fine ciclo giusto qualche macchia scura. Trascoso qualche giorno, circa 20, subito dopo aver bevuto un caffè vengo colta da una crisi di extrasistole che mi durano per tutto il giorno e per i due giorni successivi... per ore e continue. Mi accompagnano mal di testa laceranti: Mi rivolgo ad un pronto soccorso dove mi fanno un ecg e riscontrano solo una tachicardia sinusale dovuta allo stato di ansia che avevo io in quel momento per la paura di queste extrasistole. Mi fanno il prelievo e dalle risposte si evinve un calo di potassio (3.4), anemia (globuli rossi 3.86 bianchi 8.00), emoglobina 10.8, ematocrito 33.7, ferro poco al di sotto dei limiti e ferritina uguale. Passa un giorno e mi si presenta il ciclo che in realtà è solo accennato ma che non ha per niente il suo regolare corso. Ripeto ecg che esce assolutamente perfetta. Comincio una dieta a base di carne (io proprio non ne mangio) e prendo il multicentrum. La situazione relativa ai sue mesi successivi del ciclo migliora con un ciclo assolutamente puntuale e perfetto mentre le extrasistole sono sempre qui. Premesso che io so di aver affrontato questo periodo con ansia e stress oltre ogni limite immaginabile. Gli eventi intanto non mi hanno aiutato. Vivo in un perenne stato di angoscia anche per le più piccole e banali cose... mi viene una crisi di ansia anche se vedo un incidente. La cosa che mi lascia pensare e perchè queste extra vengono fuori così all'improvviso dal niente. Per esempio l'altra sera appena sono uscita da lavoro, stasera appena sono uscita dalla macchina o magari appena esco di casa o se sto vedendo la televisione. Per fortuna durante la notte non si sono mai verificate o cmq non ne ho mai avvertite. Voi pensate sia qualcosa di grave? Devo fare ulteriori accertamenti. Un'altra cosa che noto e che insieme alle extra cominciano anche una serie di eruttazioni. Vi prego di darmi qualche suggerimento sul caso. Aspetto fiduciosa e colgo l'occsaione per ringraziarvi fin d'ora. P.S. Una cosa che mi fa paura è che mio padre era cardiopatico oggi purtroppo non c'è più. Un saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ercole Tagliamonte
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
nel resoconto che ha riportato vi sono una serie di stress emotivi assolutamente non indifferenti, per cui la presenza di extrasistoli o di tachicardia sinusale sono del tutto spiegabili da questo particolare periodo della sua vita.
La presenza concomitante di eruttazioni mi fa pensare che possa esserci anche una situazione irritativa a livello dello stomaco, che potrebbe anche giustificare l'insorgenza di extrasistoli senza un'apparente causa emotiva scatenante.
Oltre ad un tentativo di rasserenarsi, potrebbe risultare utile, dopo un eventuale consulto medico diretto, assumere per un po' di tempo farmaci gastroprotettori per ridurre eventuali irritazioni allo stomaco.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 528XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dottore la ringrazio per la celere risposta. Diciamo che se dovessi analizzare le mie extrasistole a volte mi sembrano più prevenire dallo stomaco che dal cuore non so se capisce quello che voglio intendere.... Tipo vuoto. Io soffro molto di colite da anni ma non ho mai particolamente avuto sofferenze con lo stomaco. Soffro di gonfiore addominale e alterno periodi di stitichezza ad altri meno. Apporofondirò cmq questa cosa anche con il mio medico. La ringrazio infinitamente. Buon Lavoro