Utente 595XXX
Buongiorno,
ho appena scoperto di essere in cinta e non so se il lavoro che svolgo è da considerarsi a rischio. Lavoro come educatrice presso una struttura psichiatrica (costituita da una comunità psichiatrica e un centro diurno psichiatrico). Tra le mansioni che svolgo, oltre al lavoro con l'utenza, rientra anche il trasporto degli ospiti (sia che sia un tragitto casa-struttura psichiatrica che accompagnare gli utenti durante un'uscita).
Le mie domande sono le seguenti:
- Il lavoro che svolgo in questo determinato ambiente è da considerarsi un lavoro a rischio durante la gravidanza?
- Se si potrei usufruire dell'astensione immediata dal lavoro?
- A chi mi devo rivolgere per eventuali documentazioni da presentare?
Grazie per la cortese attenzione e ringrazio anticipatamente tutti i medici che mi risponderanno
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Dovrebbe comunicare al suo datore di lavoro che è in gravidanza. Il lavoro è a rischio, quindi, dovrebbe essere spostata in altre mansioni (per esempio amministrative) non a rischio oppure, se non esiste questa possibilità, il datore di lavoro dovrebbe compilare una certificazione di impossibilità a cambio di mansione, che servirà all'Ispettorato del Lavoro per collocarla in gravidanza anticipata.Per eventuali dubbi senta anche il Patronato.
[#2] dopo  
Utente 595XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sua disponibilità e per la chiarezza della risposta. Grazie mille, arrivederci
[#3] dopo  
Utente 595XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera,
oggi giovedì 17 dicembre ho comunicato al mio datore di lavoro di essere gravida. Da parte del datore non ho ricevuto nessuna informazione riguardante le misure idonee di protezione in favore di una lavoratrice in stato di gravidanza che si dovrebbe trovare nel documento di valutazione dei rischi. è possibile che il mio datore di lavoro non sia in possesso di tale documento? se così fosse cosa devo fare?
Nel frattempo il mio datore di lavoro può farmi guidare un furgone per trasportare gli ospiti del centro diurno e della comunità psichiatrica? (ad esempio andare a prendere gli ospiti a casa e portarli presso la struttura oppure accompagnarli durante un'uscita) oppure questa cosa è vietata per legge?
Devo ammettere di essere davvero preoccupata, sto vivendo nell'incertezza.
Vi ringrazio per l'attenzione prestatami