Utente 243XXX
Sono una Dottoranda in Biologia, sono alla dodicesima settimana di gravidanza e nonostante abbia comunicato al responsabile del dipartimento di essere in stato interessante, mi obbligano ad utilizzare sostanze cancerogene e mutagene con l'unica accortezza di proteggermi con 2 paia di guanti...
Ho molta paura che questo possa recare problemi al bambino, ma non trovo scritto da nessuna parte se posso o non posso utilizzare queste sostanze, potreste aiutarmi?
Grazie mille

[#1] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Ai sensi del Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 che richiama il Decreto Legislativo 4 agosto 1999, n. 345 nell'allegato A, sono ritenuti lavori insalubri e pericolosi quelle mansioni che espongono a varie sostanze chimiche, fra cui quelli con le seguenti frasi di rischio sulla scheda di sicurezza:
1) pericolo di effetti irreversibili molto gravi (R39);
2) possibilita' di effetti irreversibili (R40);
3) puo' provocare sensibilizzazione mediante inalazione (R42);
4) puo' provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle (R43);
5) puo' provocare alterazioni genetiche ereditarie (R46);
6) pericolo di gravi danni per la salute in caso di esposizione prolungata (R48);
7) puo' ridurre la fertilita' (R60);
8) puo' danneggiare i bambini non ancora nati (R61);

Il Decreto 151 all'art. 6 specifica che non possono essere adibite a tali lavori le donne in gravidanza e fino a 7 mesi dopo la nascita del bambino.

Se ritiene che vi sia un'esposizione a tali sostanze, Le consiglio di informare immediatamente il Medico Competente della struttura dove lavora.
Dr. Riccardo Boeri