Utente 143XXX
Buona sera sono una donna di 51 anni nel 2007 mi hanno trovato il diabete di tipo 2, oggi sono andata a fare l'esame ai piedi l'EMG ma purtroppo non mi hanno spiegato cosa significa,sono molto preoccupata ce qualcuno che sa spiegarmi gentilmente cosa significa e cosa questo comporta??? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, non deve affatto preoccuparsi, l'EMG è l'acronimo di elettromiografia, un esame che effettuiamo per studiare la velocità della conduzione nervosa dei nervi periferici, si usa praticamente per valutare l'eventuale presenza di complicanze neuropatiche. Il Collega che glielo ha prescritto è stato molto scrupoloso e sicuramente se già non l'ha fatto, le richiederà una consulenza oculistica per la valutazione del Fondo dell'occhio (controllo della retina), ecocolordoppler TSA (dei tronchi sovraortici), la determinazione dell'Ankle Brachial Index e della microalbuminuria.
Tutti questi sono esami che ripeterà peridicamente con una tempistica dettata dai risultati ottenuti.
Molto Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la risposta,ho appena letto la richiesta che ho scritto,mi sono accorta di aver formulato male la domanda. Ieri pomeriggio sono andata a fare l'esame, la mia preoccupazione riguarda all'esito che mi hanno dato cioè : CONCLUSIONE sono presenti segni di danno assonale su SPI e surale esaminati. Vorrei sapere cosa significa.
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, la conclusione alla quale arriva il suo esame è quello che esiste un'alterata conduzione nervosa in alcuni nervi e le spiega dove è localizzato il danno (l'assone è una parte della cellula nervosa).
Tale problematica è purtroppo comune nei soggetti diabetici che sono stato a lungo scompensati o il cui andamento circadiano del tasso glicemico è stato estremamente variabile.
Il suo Diabetologo, mantenendola in uno stato di euglicemia impedirà la prosecuzione del danno. In quanto alla "restitutio ad integrum"... si può tentare(?).
Cordialmente