Utente 525XXX
G.li medici, vi richiedo un consulto su una diagnosi che è stata fatta a mia madre di 50 anni, normopeso, non fumatrice, qualche giorno fa: dopo essersi sottoposta ad un ecocardiogramma per un controllo che fa annualmente, il responso è stato "Ventricolo sx con normali diametri endocavitari e spessori parietali. Funzione sistolica e cinesi globale conservata. Funzione diastolica nella norma. Bulbo aortico ed Aorta ascendente nei limiti. Valvola aortica tricuspide con semilunari lievemente sclerotiche, insufficienza aortica lieve. Atrio sx nella norma. Lembi mitralici con corretta apertura. Insuff. mitralica lieve. Sezione di dx nella norma per diametri e funzione sistolica, insuff. tricuspidalica lieve , PAPs 21 mmHg. VCI nella norma assenza di versamento pericardico". Alla sua richiesta di spiegazioni, mia madre si è sentita dire che aveva le valvole che perdevano sangue (non le era mai stato rilevato nulla in precedenza) e le è stato consigliato di fare frequenti controlli, è ritornata a casa con un'ansia evidente, avendo anche familiarità per IMA e andando in contro alla menopausa con i rischi connessi, vorrei che qualcuno ci facesse un quadro più chiaro della situazione è un'anomalia grave o meno? Quale altro accertamento ci potete consigliare? Può essere genetico? Richiede uno stile di vita particolare?? Vi ringrazio fin da ora per un eventuale risposta cordiali saluti Enrica.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Boncompagni
28% attività
0% attualità
12% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Allora: niente paura cara amica Enrica di Grosseto. Vediamo di fare un pò di chiarezza in tutte quelle parolone che lei scrive come referto avuto. C'è una lieve insufficienza di 3 delle 4 valvole cardiache, ma non sembra affatto cosa grave. Non è che "perdano sangue": semplicemente non chiudono benissimo, e questo causa un modesto rigurgito (un pò di sangue torna indietro quando le suddette valvole sono in fase di chiusura). E' una situazione molto comune e potrebbe mantenersi più o meno così per molti anni. per documentarsi meglio vada in cardiologiapertutti.org, argomenti 101, 102, 103. La situazione potrebbe risentire negativamente se sua madre avesse la pressione alta, o se fumasse. Comunque, ecco le risposte:
1 - Non è anomalia grave
2 - Un ecocardiocolordoppler ogni 6-8 mesi per tenere sotto controllo l'evoluzione della situazione (che potrebbe anche essere molto lenta)
3 - No, non è situazione genetica
4 - Stile di vita normale: gli sforzi non fanno bene a nessuno
Infine tutta la situazione di questa donna non c'entra proprio niente con l'infarto. Mi auguro di averle fatto tornare il sorriso, Enrica.
Cari saluti.
[#2] dopo  
Utente 525XXX

Iscritto dal 2007
G.le Dr.Boncompagni, la ringrazio tantissimo per la sua risposta che ci ha fatto ritornare il sorriso e tirare un sospiro di sollievo....la ringrazio ancora di cuore Enrica