Utente 117XXX
Buonasera, ho 33 anni.
Da qualche giorno mi sono accorta di avere un paio di venuzze bluastre dietro al ginocchio.
All'altro si vedono ma sono di un colore normale.
Sono molto piccole, e non me ne ero mai accorta.
Visto che c'è una certa ereditarietà con i problemi circolatori, non da parte dei genitori ma dei nonni, ho un po' di paura.
Premetto di essere magra. Sono alta uno 67 e peso sui 51 chili, ho smesso di fumare da circa un anno,non bevo alcolici e cerco di seguire una dieta equilibrata.
Ultimamente, per ragioni di studio e a causa di alcuni concorsi impegnativi, non svolgo una vita molto movimentata ma cerco comunque di fare un po' di attività fisica anche in casa.
Che cosa mi consigliate?dimenticavo di dire che da tre mesi assumo la pillola Belara per una leggera acne, ma non sono avvezza agli anticoncezionali, l'ho usata una sola volta 5 anni fa per 3 mesi.
Dovrò assumere dei farmaci? mi date dei consigli in merito?
e poi un'altra cosa per queste venuzze si può fare qualcosa?ci sono dei trattamenti?
ci tengo troppo alle gambe e in genere al fisico.
grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
La presenza di teleangectasie (capillari dilatati) o più voluminose varicosità circoscritte può rappresentare un isolato problema estetico o essere segno di esordio dei sintomi dell'insufficienza venosa cronica, magari slatentizzata proprio dall'uso di preparati ormonali.
E' possibile in ogni caso eliminare o attenuare efficacemente questo tipo di inestetismo mediante terapia sclerosante (nella sezione Chirurgia Vascolare dei nostri MinForma troverà qualche utile indicazione al riguardo).
Resta in ogni caso l'opportunità di considerare anche misure preventive per la comparsa di ulteriori manifestazioni.
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
grazie dottore!quindi per capire se è invece sono sintomi di insufficienza venosa come devo fare?ci sono esami particolari?
la ringrazio e leggerò quanto mi ha indicato
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Il riconoscimento di uno stato iniziale di insufficienza venosa si basa su rilievi anamnestici e clinici, integrati se necessario da indagini strumentali (doppler, ecocolordoppler).
[#4] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille dottore!quanto prima andrò dal curante ad esporgli il caso.
Speriamo bene e un saluto a Napoli che è anche la mia città e purtroppo sono lontana.
Farò sapere