Utente 111XXX
salve,
il mioo migliore amico non si è mai lavato i denti (o quasi) fino ad ora (adesso ha 22 anni); dopo alcune carie recenti è andato dal dentista il quale si è deciso a fargli una pulizia dentale. questo è successo pochi mesi fa. da lì soffre di ipersensibilità. perchè? cosa possiamo fare?
inoltre abbiamo letto che il tartaro indebolisce l'attacco della radice, rendendola non solo ipersensibile, ma anche più mobile. perchè? è irreversibile? è probabilemtne anche il suo caso? dobbiamo preoccuparci per il futuro?

grazie in anticipo per la risposta

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
non lavare i denti significa far accumulare placca,cioè residui di cibo, su cui si sviluppano colonie batteriche nocive per i denti, perchè provocano la carie, e per i tessuti che circondano i denti, cioè gengive e tessuto parodontale, .
Alla placca dentale segue nel tempo la formazione del tartaro: da cui danno gengivale e dei tessuti parodontali che vengono riassorbiti con scopertura delle radici.

La descrizione è molto sintetica ma spero chiara: dopo una detartrasi o pulizia spesso capita, soprattutto quando viene rimosso molto tartaro che il dente si sensibilizzi per scopertura di dentina radicolare: il rimedio è l'uso di un dentifricio contro la sensibilità fino alla scomparsa dei sintomi.
Cordiali Saluti