Utente 151XXX
Salve vorrei avere un aiuto per un problema che riguarda mia nonna! Negli ultimi tre mesi dell'anno scorso ha iniziato ad avere problemi con la deglutizione dei cibi, sino addirittura rimettere qualsiasi cosa che fosse di consistenza più solida...si è deciso perciò di fare una visita medica e seguente gastroscopia! Il risultato dell'indagine è stata: adenocarcinoma gastrico! A causa di ittero ostruttivo veniva ricoverata e sottoposta a PTC con drenaggio biliare esterno con diminuzione progressiva della bilirubinemia fatta eccezione per episodi di colangite trattati con terapia medica..durante il ricovero è stata sottoposta ad esami ematochimici e strumentali tra cui: Rx torace, Markers tumorali: CA 19-9=6287/mL, CEA Alf1 fetoproteina nella norma, TC total body, Colangio RM, EGDS. Dopo circa un mese dal ricovero veniva sottoposta ad intervento chirurgico: Laparotomia esplorativa con digiunostomia percutanea per alimentazione, non essendo in grado di intervenire, l'intervento è stato interrotto..dopo un ricovero totale di 55 giorni mia nonna è stata dimessa con diagnosi di: neoplasia gastrica estesa a tutto il viscere (linite plastica) infiltrante il blocco duodeno-pancreatico, il mesocolon traverso e la via biliare principale in assenza di lesioni metastatiche a livello epatico o polmonare. Es istologico: Adenocarcinoma gastrico di tipo intestinale..Alla luce di tutto ciò, tenendo presente che la sua età è di 78 anni e la costituzione è molto robusta, cosa si può fare?? Come bisogna intervenire?? ringrazio anticipatamente per l'aiuto e per il servizio offerto!
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

molto dipende dagli esami ematochimici ed in particolar modo dal valore della bilirubina per quanto riguarda una possibile chemioterapia. Se i valori consentono si potrebbe eseguire un trattamento chemioterapico in abbinamento ad ipertermia locoregionale. Se i valori non consentissero (bilirubina elevata) si può tentare la sola ipertermia. Si tratta di una condizione clinica comunque assai seria.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it