Utente 927XXX
Salve, torno appena dal mio medico curante a cui ho mostrato il risultato dell'esame chimico-fisico delle feci, dove è stato riscontrato la presenza di grassi nelle feci, così il dottore mi ha detto di ridurre i grassi durante i pasti - anche se non ho mai abusato di essi - perché evidentemente non vengono assorbiti completamente.

Però poi il dottore ha letto una cosa che lo ha lasciato perplesso, ovvero nell'ultimo rigo in corrispondenza della voce "fibre carne", il foglio recita "Probabile presenza di agglutinine in frigore".

Mi ha detto che non aveva mai sentito di un riscontro tale nelle feci e che normalmente lo si riscontra con gli esami del sangue. Non mi ha detto però cosa fossero questa "agglutinine in frigore", nonostante gliel'avessi ripetuto più volte, però mi ha prescritto questi esami:

- IMMUNOCOMPLESSI CIRCOLANTI
- COMPLEMENTO: C3
- COMPLEMENTO: C4
- CRIOGLOBULINE RICERCA

Se questi esami non dovessero dare risposte che il dottore cerca, mi dovrei rivolgere ad uno specialista, ad un reumatologo, ma non mi ha fornito ulteriori dettagli sul perché e sul per come.

Ora, leggendo su internet ho trovato che queste "agglutinine" sono associate con polominiti o malattie infettive come la mononucleosi che ho avuto 6 anni fa circa. Possono le due cose essere connesse?

Preciso che ho fatto l'esame chimico-fisico sotto richiesta del gastroenterologo, perché da un anno ormai soffro di digestione lenta, bruciori, eruttazioni continue e pigrizia intestinale, gonfiore addominale..per non parlare di tutti gli altri sintomi fisici che mi assillano, tra cui attacchi di tachicardia, stanchezza fisica e mentale e altri che a detta dei dottori sono da additare ad un fattore stressogeno.

Assumo Valpinax 2g/100, Gaviscon, Riopan, Sequacor 1,25 ( mezza pastiglia ), En al bisogno.

Esami della tiroide fatti il mese scorso sono negativi. Emocromo tutto okay. Esame del sangue per intolleranza alimentare è risultato negativo, quindi non c'è celiachia. Il prick test è ancora da fare.

Mi scuso per essere stato prolisso, sono un po' preoccupato.

Grazie
[#2] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Che io sappia non e' possibile vedere le agglutinine a frigore nell'esame delle feci. O il codice commento e' stato sbagliato ed e' uscita la stringa sbagliata oppure e' finito in calce al referto un commento che aveva a che fare con l'emocromo.

Le agglutinine a frigore o freddo sono anticorpi IgM, spesso successivi a polmoniti atipiche es. da micoplasma, che legano i globuli rossi e creano agglutinati che il contaglobuli sbaglia a contare, Ne derivano tipiche alterazioni di certi indici derivati. Rifacendo l'esame a caldo si normalizza il quadro. E' una anomalia di valore infettivologico.

Il suo medico le ha prescritto invece esami relativi al depistaggio delle crioglobuline, che sono una cosa diversa ancora, ossia immunoglobuline per lo piu' monoclonali a bassa solubilita'. E' una anomalia a valenza ematologica.

Se posso permettermi, si sta innescando una catena di equivoci, invece dovrebbe andare in laboratorio col referto in mano e chiedergli come fanno a capire le aggluitinine a partire dalle fibre carnee indigerite delle feci. Poi per favore me lo riferisce, che non si finisce mai di imparare.

Oppure prima ancora potrebbe fare una scansione anonimizzata del referto e uploadarla su qualche hosting immagini per farmela vedere.

[#3] dopo  
Utente 927XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la risposta e le fornisco il link con il referto dell'esame chimico-fisico:

http://img442.imageshack.us/img442/1590/img45771.jpg

Visto che Lei è anche un allergologo, le dò il link relativo alle antitransagluminasi che ho fatto qualche giorno prima rispetto a quello delle feci.

http://img143.imageshack.us/img143/2176/img45781.jpg

Mi sta dicendo, dunque, che gli esami prescritti dal mio medico curante non sono inerenti alla ricerca delle agglutinine? mi consiglia di farli comunque?
Anche perché il dottore mi ha detto che avremmo consultato uno specialista, immunologo o reumatologo, nel caso questi esami non dessero delle risposte.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
E' quasi sicuramente un errore tecnico. Avranno sbagliato a inserire il codice commento, per contiguita' del codice stesso - es. hanno selezionato dalla lista AGG per dire "agglutinine" invece di ALC per far uscire la stringa "alcune", qualcosa del genere. L'errore in tal caso sarebbe di chi ha firmato il referto senza guardare.

Lo stile grafico del referto e' quello del programma Italab, che se ben ricordo ai tempi aveva una tabella commenti unica, mentre sarebbe meglio configurare i commenti compartimentandoli per settore, in modo da non mettere in "esame feci" un commento "ematologico".

Le analisi suggerite dal suo medico non servono ad approfondire le ipotetiche "crioagglutinine", ma semmai le "crioglobuline", nome simile ma patologie ben diverse.

Ma siccome secondo me lei non ha neanche le crioagglutinine, fermi tutto e per prima cosa chieda spiegazioni al laboratorio esecutore.

E gia' che parliamo, quando gli porta i barattoli, gentilmente li chiuda bene.



[#5] dopo  
Utente 927XXX

Iscritto dal 2008
La voglio ringraziare per la Sua pazienza.
Ho mostrato al mio medico curante ciò che Lei mi ha scritto e quest'ultimo concorda sul fatto dell'equivoco, pertanto sta seguendo il suo consiglio, ovvero di contattare il laboratorio e chiedere lumi, altresì di bloccare gli esami relativi alle crioglobuline.

Per quanto riguarda l'esame parassitologico, anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un errore; mi diedero il contenitore con il liquido fissante, nonostante io abbia presentato all'operatore di sportello la ricetta che recitava "esame chimico-fisico".
Di fatti, alla consegna del campione di feci, l'infermiera mi disse che il barattolo era probabilmente quello sbagliato, ma lo mandò comunque in laboratorio.
I giorni seguenti, poi, appurando col medico l'errore, ho rifatto l'esame col recipiente appropriato. Ironicamente c'è stato un altro errore. Succede.

Sinceramente non credo che il barattolo fosse chiuso male - dato che la stessa infermiera lo ha controllato - ma "l'errore tecnico", secondo me, stava nel fatto che il contenitore fosse quello erroneo.

In ogni caso, grazie alla Sua competenza, ho evitato di intraprendere un percorso di esami probabilmente inutili.

Lo riferirò al dottore e intanto la ringrazio di cuore.

Cordiali saluti