Utente 121XXX
Sono una donna di 31 anni, sana, mai subìto operazioni, al momento soffro di una forma leggera di ipotiroidismo (eutirox da 25 mg per 5 gg e da 50 mg per 2 gg a settimana), dall'età dell'adolescenza si sono presentati episodi frequenti di attacchi di panico, ansia, stress, paure di vario genere ma ogni volta sempre curate e risolte con successo grazie all'omeopatia, in particolare ai fiori di Bach.
Dall'inizio dell'anno ho preso la pessima abitudine di mangiare un'elevata quantità di dolci (di solito merendine comprate al supermercato, a volte anche pane con formaggio e affettato) prima di andare a dormire, sia che mi metta a leggere un libro, sia che guardi la tv, sia che finisca di stirare: è più forte di me, non riesco a controllarmi nè a smettere, se non mangio mi innervosisco e non vado a dormire fino a che non ho ingerito qualcosa! Non mi riconosco più.
Sono sempre stata una persona con buona forza di volontà e ho sempre tenuto al mio fisico. Adesso mi sto riempiendo di cellulite e sto ingrassando (dall'inizio dell'anno ho preso 3 kg).
Poi c'è il problema che vado a letto con lo stomaco troppo pieno, senza avere digerito e il mio sonno diventa agitato e si popola di incubi.
A volte mi sveglio la mattina con un senso di sazietà molto forte, quasi con la voglia di rimettere. Gentile dottore/ssa mi potete consigliare un rimedio valido per risolvere questa spiacevole situazione che sta diventando un problema? L'omeopatia potrebbe essermi d'aiuto anche stavolta?
Se la risposta è positiva, mi potreste consigliare per favore quale/i prodotto/i scegliere?
Grazie infinite.
F
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

credo che la soluzione giusta per il suo problema risieda nell'individuarne la causa, capire perchè e quali motivazioni la inducono ad ingerire nervosamente alimenti calorici prima del sonno notturno.
Una terapia omeopatica potrebbe sicuramente aiutarla ma i risultati sarebbero certamente limitati nel tempo se non si agisse sul nucleo del disturbo.
Suggerimenti su cosa prendere sono impossibili in questa sede senza poterla visitare.

Cordialmente.