Utente 155XXX
Ho vent'anni e da circa tre ho notato un progressivo diradamento dei capelli nella zona temporale della testa, specialmente intorno al padiglione auricolare. Il cuoio capelluto talvolta presenta un lieve rossore e nei periodi di stress è soggetto ad una discreta desquamazione. La cosa che mi stupisce è che il diradamento tocchi quest'area (che solitamente contiene bulbi più resistenti) e non la zona frontale e temporo-frontale. Mio padre, che ora ha cinquant'anni, presenta solo un accenno di "stempiatura", mentre nella zona circostante l'orecchio non ha alcun problema. Dopo aver notato che anche l'interno del padiglione era soggetto ad una leggera desquamazione, considerando che mia madre ha un modesto problema di dermatite nella stessa zona (che non incide però sulla salute dei capelli), mi sono rivolto ad uno specialista per chiedere se quello potesse essere il mio problema. Mi venne detto che in realtà probabilmente si trattava di normale alopecia androgenetica e che poteva esserci una lievissima dermatite seborroica. Mi vennero prescritti shampoo e compresse "Tricovel" (che utilizzo ormai regolarmente da tre mesi), una maschera ed una mousse per le pelli soggette a desquamazione (che ho avuto necessità di impiegare solo una o due volte). Le cure non sembrano avere risultati sul diradamento e continuo a chiedermi perchè la zona colpita sia una di quelle che dovrebbero essere contraddistinte da una maggiore densità di bulbi.
Ringraziandovi anticipatamente per l'attenzione, vi porgo i miei saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
andrebbe verificato che tipo di caduta (ev. defluvium) si è verificata.
Non va pensato che ogni tipo di caduta sia di origine androgenetica, nella quale esiste un pattern che ha ricordato ; tra l'altro sicuramente dal suo racconto si evoca una dermatite seborroica.
Deve essere rivalutato , con visita e diagnostica specifica.
cordialità
[#2] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010

[#3] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore,
la ringrazio per la risposta. Vorrei porle ancora due domande. La prima è se quindi ci possono essere collegamenti tra la mia lieve dermatite (vorrei chiarire che i sintomi che ho descritto si presentano sporadicamente) e il diradamento. In secondo luogo desidererei sapere quali tipi di indagini possono essere svolte; Ho sentito che in certi casi si valutano alcuni livelli ormonali per l'analisi differenziale con altre patologie: la cosa che più mi preoccupa è effettivamente che il mio problema sia l'espressione sintomatica di qualcosa di più grave. Ci sono altri elementi che posso valutare autonomamente per capire se ho davvero bisogno di ulteriori visite e non sto sopravvalutando il problema?
Distinti saluti