Utente 167XXX
Gentili Dottori,innanzitutto grazie molte per la Vs. disponibilità.
Ho 34 anni e dall'età di 20 anni porto occhiali con lenti correttive (sono miope ed astigmatico).Non ho mai sofferto di disturbi oculari importanti (a parte miodesopsie e blefariti) ma quest'anno mi sta accadendo una cosa molto strana.A partire da Aprile (e non come conseguenza di traumi degni di nota),ho iniziato a manifestare i seguenti sintomi interessanti esclusivamente l'occhio destro:
-abbastanza frequente e moderatamente intenso e persistente senso di bruciore e di affaticamento all'occhio,accompagnato da una sensazione come di calore e penetrazione in profondità nella pupilla di una oggetto appuntito;
-di tanto in tanto iperfotosensibilità che mi provoca una istintiva reazione di chiusura delle palpebre ed una sensazione di bruciore;
-abbastanza frequente e moderatamente intenso fastidio (come una sorta di "tremolio dell'occhio" simile a quando si osserva una sorgente di luce intensa) allorché mi distendo supino ed appoggio il capo su di un cuscino posto dietro la nuca;
-abbastanza frequente e moderatamente intenso e persistente fastidio all'occhio (una sorta di "tremolio" come descritto sopra),quando mi distendo su di un fianco appoggiando la parte destra del viso su di un guanciale;
-non molto frequente e moderato senso di bruciore/fastidio all'occhio che si accompagna ad un fastidio alla narice destra del naso (come se fossi in procinto di starnutire);
-in altri casi (molto raramente,lievemente intenso e poco persistente) avverto bruciore/fastidio all'occhio unitamente ad una sensazione di lieve pressione nella parte centrale della corrispondente arcata sopraciliare;
-piuttosto frequentemente ma in modo persistente e moderatamente intenso avverto bruciore ed indolenzimento dell'occhio quando leggo riviste o lavorando allo schermo del PC (per professione almeno 6 a ore giorno);
Nelgli ultimi quattro mesi mi sono sottoposto a due visite oculistiche presso due distinti Dottori (entrambi noti e affermati):sostanzialmente entrambi hanno rilevato una "anomala regressione" della miopia dell'occhio destro da 1,50 ad appena 0,75 diottrie,ed affermano che quei disturbi potrebbero dipendere dal fatto che é "sovracorretto" e si affatica.Nel contempo affermano che siccome io non porto gli occhiali per lavorare al PC (pur essendo astigmatico),anche questo potrebbe contribuire ad alimentare il disturbo.
Non mi hanno presctitto medicinali ne richiesto esami clinici.Ho ordinato lenti nuove ma non sono convinto che ciò sia sufficiente.Potrebbe essere utile sottoporsi a tecniche di indagine specifiche (OCT,NMR,HRT,PEV,TAC,eco UBM), o a visita neurologica?Gli esami del sangue sono a posto (solo colesterolo totale un po' alto a 230).Sono molto preoccupato in quanto da inizio anno mi sto preparando per intraprendere l'attività di conducente autobus,ma questo improvviso disturbo mi spaventa!Pur vedendo bene,non posso trascurare questo malessere.Grazie in anticipo.Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, una ipercorrezione della miopia può dare dei disturbi da lei descritti così come una stuazione di stress psico-fisico, aggiorni la correzione ottica ed attenda qualche tempo è possibile che il disturbo regredisca.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Egr. gent.mo Dott. Rotondo,

innanzitutto La ringrazio molto per il Suo pronto riscontro;seguirò il suo consiglio.Da domani avrò le lenti con la correzione aggiornata:nel caso in cui la causa dei miei disturbi sia imputabile esclusivamente all'ipercorrezione,secondo Lei nell'arco di un mese dall'adozione della correzione appropriata,potrei percepire mliglioramenti?Tuttavia non mi spiego come una miopia possa regredire "di colpo" (almeno io così l'ho avvertita...)

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
E' possibile che stia meglio nell'arco di pochi giorni, in qualche caso è possibile che l'ipercorrezione sia di antica data e sia ben tollerata, poi con il passare degli anni e con l'affaticamento (da eccessivo uso) dell'accomodazione,l'eccessiva correzione diventa meno tollerata e provoca dei disturbi astenopeici.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Grazie ancora Dottore: da domani avrò lenti con la nuova correzione, le proverò ed entro un paio di settimane verificherò se effettivamente apporterà i benefici auspicati.
Buona giornata.