Utente 169XXX
Buongiorno,
sono un donatore di sangue.

Ogni volta che faccio una donazione devo dichiarare che - dagli ultimi esami del sangue effettuati - non ho avuto comportamenti che possano avere compromesso l'idoneità che gli esami avevano comprovato.
Tra questi comportamenti c'è l'avere avuto rapporti sessuali a rischio.
Cercando una definizione di "rapporto sessuale a rischio" ho trovato questa:

"qualsiasi tipo di rapporto sessuale non protetto con partner occasionali o anche con un partner stabile che abbia avuto, a sua volta, rapporti a rischio"

Non avendo una relazione stabile, mi càpita di avere rapporti sessuali occasionali; un esempio è quello di una ragazza conosciuta durante una vacanza o un viaggio di lavoro all'estero o a una festa. Questi rapporti - che non sono poi così frequenti, ma comunque càpitano (partecipo a conferenze all'estero che durano spesso alcuni giorni, durante le quali c'è più promiscuità di quello che si immagina da fuori) - sono sempre protetti, anche per motivi contraccettivi, dal preservativo, ma l'uso del preservativo è limitato al rapporto sessuale vero e proprio e non a quello che avviene prima (sesso orale praticato e ricevuto).

Arrivo alla domanda: se durante una vacanza o viaggio di lavoro mi capita di avere un rapporto sessuale come descritto sopra (ma mai con prostitute), devo considerarmi a rischio e astenermi da fare donazioni di sangue? Se, come immagino, la risposta è "sì" dopo quanto tempo ha senso fare esami di controllo per essere certo di non donare sangue a rischio (presupponendo che non vi sia nel frattempo un controllo dell'Avis) ?

L'ultima domanda: è quindi possibile donare il sangue solo a chi ha una relazione stabile oppure a chi non ha rapporti sessuali ?

grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Si tratta di una regola auto datasi che riguarda un aumento del rischio su base statistica
Come il fumo aumenta il rischio statistico di avere un tumore , o il fatto di fare molti km all'anno con l'auto aumenta il rischio di avere incidenti (e infatti le assicurazioni fanno pagare di più) .

Ovviamente tutto va preso "cum grano salis".
C'è differenza tra una persona che di regola frequenta case chiuse e prostitute di strada e chi , proteggendosi, ha rapporti saltuari con persone non conosciute ma NON mercenarie.
Pero va protetto anche il rapporto orale.....
Cordialità