Utente 179XXX
Salve,
espongo il mio problema.
Sono un uomo di 31 anni con rilevanti problemi di peluria.
Ho sempre avuto questa condizione, ma nel recente periodo ho notato un incremento decisivo. Per questo motivo mi sono sottoposto a dei prelievi ematici per verificare il livello di testosterone e sono stato visitato da un andrologo e da un endocrinologo. Non è stata riscontrata alcuna patologia.
Quindi mi sono rivolto presso centri estetici e medici estetisti per informarmi sulla depilazione definitiva. Le soluzioni prospettatemi variano, ma tutte convergono verso la luce pulsata Ipl e dopo, eventualmente, un ulteriore trattamento con laser neodimio yag (naturalmente da un medico estetico).
Ho letto moltissimo sull'argomento e ho realizzato che molto del successo del trattamento dipende dal tipo di pelle (io sono un candidato ideale con pelle normale e pelo scuro) e dal tipo di macchinario.
I miei quesiti: quali caratteristiche tecniche deve possedere il macchinario Ipl, intendo massimo livello di energia, lunghezza d'onda (massima), alimentazione elettrica, densità di energia, o altro per garantire risultati? Inoltre, è da prendere in considerazione l'uso del gel? Nei centri estetici non è prevista l'applicazione sull'area da trattare.
Ci sono distinzioni tra i macchinari Ipl dei centri estetici e quelli dei medici? Se sì, in cosa si differenziano.
Con queste informazioni mi sarà più semplice scegliere il giusto medico o centro estetico.
Vi ringrazio.
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
per il laser le rispondo che le apparecchiature migliori devono possedere un diametro dello spot di 18 mm al fine di poter raggiungere alte fluenze anche utilizzando diametri dello spot di 15 o 12 mm. I laser ad alessandrite ed il neodimio sono i più validi ed addirittura andrebbero utilizzati entrambi (tanto che i nuovi apparecchi laser per la depilazione sono proprio formati da ambedue le sorgenti). Per quanto riguarda la luce pulsata ha più importanza la tecnologia dell'emissione dell'impulso: gli apparecchi più performanti sono costruiti in USA od in Israele e sono altrettanto costosi. Si accerti della presenza di personale medico e richieda un referto con:
- marca e modello dell'apparecchiatura utilizzata
- fluenze utilizzate con diametri degli spot (o tipo di filtro cutoff utilizzato nel caso dell'IPL)
Sarà così più facile, in caso di insuccesso del trattamento, capire se ciò possa essere dovuto ad una "debolezza" dell'apparecchiatura impiegata. Tra una seduta e l'altra devono passare almeno 2 mesi pertanto si prepari ad un lungo lavoro.
Cordiali saluti