Utente 170XXX
salve,
da circa un mese ho una tosse persistente, inizialmente si presentava con febbre intorno ai 38, respiro corto e sensazione di soffocamento, ed in particolare dopo aver dormito in una brandina richiudibile inutilizzata da anni, e nella stanza di mia figlia che è piena di peluche, dove per un attimo ho avuto la sensazione di morire tale è stata la crisi respiratoria.
Curata con zimox per 10 gg e aerosol i miglioramenti sono stati pochissimi e oggi dopo un mese ho ancora la tosse.
IL medico di famiglia ha prescritto ventolin per suoerare le crisi, mi sento stanca e la mattina mi sveglio con gli occhi bagnati e senza voce.
Qualche hanno fa mi è stata diagnostica allergia all'acaro della polvere e all'ulivo.
Risolsi i problemi di rinite togliendo tende centrin e tappeti e usando la mascherina per pulire.
Ciò che mi chiedo è se è possibile che i miei problemi nascano dall'allergia all'acaro che per qualche motivo è peggiorata,
ho fatto alcuni esami e l'unico non nella norma riguarda il numero di bianchi (10500), ma le percentuali sono nella norma.
Vorrei capire se andare da uno pneumologo o da un allergologo.
Grazie mille, distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
La crisi respiratoria potrebbe essere scatenata da un'allergia agli acari oppure da un'infezione virale. Forse è meglio un buon pneumologo che dovrebbe risolvere i problemi.
Cordiali saluti