Utente 137XXX
Gentili Dottori buonasera,
ieri mio babbo di 70 anni è stato dimesso dal reparto di chirurgia generale. a
8 giorni fa è stato sottoposto ad intervetno di ricanalizzazione mediante chiusura di ileostomia.
Mio babbo era portatore di adenocarcinoma del retto, sottoposto nel novembre
2009 ad intervento chirurgico di resezione del retto con ripristinodella continuità intestinale mediante anastomosi colo-rettale meccanica sec. Knigth- Griffen e confezionamento di ileostomia escludente temporanea in fossa iliaca destra a protezione dell'anastomosi.
Un Rx clisma opaco con m.d.c. idrosolubile effettuato pre-operatoriamente nel mese di dicembre 2010 ha mostrato una regolare canalizzazione senza evidenza di tramiti fistolosi perianastomotici.
Ormai da alcuni giorni evacua frequentemente ma spontaneamente in forma molto liquida. Ha ripreso una alimentazione molto leggera e molto liquida. Il giorno dopo aver ripreso l'alimentazione mio padre presentava dolori allo stomaco e senzazione di appesantimento e dopo alcune ore si è presentato il vomito. E'
seguito un giorno di digiuno, poi ripresa l'alimentazione leggera ma ieri sera, a casa, di nuovo il vomito.
Volevo chiedervi se sono situazioni che possono rientrare in un decorso post- operatorio per ricanalizzazione.
Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Certo, la ripresa della normale canalizzazione dopo l' intervento descritto puo' comportare un periodo di adattamento durante il quale compaiono i sintomi che riferisce. Ne parli comunque eventualmente coi colleghi che lo seguono se persiste soprattutto il vomito. Auguri!