Utente 342XXX
Buongiorno dottore vorrei chiederle un parere.
Mio marito di anni 53, in seguito a delle analisi del sangue effettuate qualche mese fa, ha riscontrato una glicemia alterata con valore 105.
Questa mattina dopo 10 ore di digiuno ha effettuato, con la macchinetta presa in farmacia,una misurazione e il valore è risultato a 103.
Premetto che sua madre aveva il diabete mellito riscontrato pero' in eta' adulta.
Secondo lei si tratta di un inizio di diabete? Conviene fare ulteriori accertamenti?
La ringrazio anticipatamente e le porgo cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
prima di parlare di diabete,occorrono diverse informazioni, sia cliniche sia laboratoristiche.Una predisposizione: familiarietà, obesità,abitudini alimentari,ad esempio, determianno un maggiore rischio di sviluppare nel tempo il diabete mellito di tipo 2.
Prima ,una dieta equilibrata,povera di carboidrati, poi una buona attività fisica, ne ridurrebbe il rischio. Sicuramente andrà fatta una curva da carico con insulinemie e naturalmente, un attento esame clinico. La curva da carico , l'insulinemia, il dosaggio del peptide c, ci faranno meglio orientare sulla diagnosi. Ciò non significa che il problema sia definitivo e che non possa ritornare tutto nella "norma" una volta intrapresa una dieta ed una buona attività fisica.
Le invio cordiali saluti e rimango a sua disposizione.