Utente 207XXX
Salve,

Vi scrivo per esporvi un problema particolarmente serio che sta rovinando la vita.

A Marzo ho preso un colpo a livello temporale, forte dolore ma non ritenuto di fare accertamenti al momento.
Tempo dopo, una decina di giorni poco più, arrabbiandomi (ero molto nervosa), ho avvertito una fitta tra la tempia e la mandibola.
A distanza di giorni, ho avvertito un dolore di tipo muscolare a livello dell'arcata dentaria superiore dx sino alla zona temporale, pensando fosse causata dal dente del giudizio.

Il fatto è andato sempre più in crescendo sino a stabilizzarsi come fastidio, alterno con periodi di vertigine e dolori in zona temporale durante e non la masticazione.

Eseguita Tac Atm, ha evidenziato avallamento di 4 mm del margine superiore del condilo dx e osteo porosi.

Eseguita anche risonanza di tale distretto in corso di refertazione.

Che linea seguire? Che linea intraprendere? a chi rivolgersi?

I sintomi possono essere da trauma? o da altre patologie?

Per l' osteoporosi che altre indagini fare per verificare tale presenza e motivo? (non sono in menopausa precoce).

Segnalo in passato, nel 1988, rino-plastica da alcuni che mi hanno visitato oggi considerata non eseguita “bene”

In attesa di vostro riscontro, vi saluto e vi ringrazio

I.P.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
è piuttosto improbabile che l'osteoporosi e l'alterazione condilare, artrosica, siano collegate alla Sua sintomatologia.
E' possibile che la stessa sia di origine post-traumatica.
Le consiglio di parlarne con il Suo Medico di Medicina Generale, per un'eventuale valutazione neurologica.
Cordiali saluti

P.S. per quanto riguarda gli esiti della rinoplastica "considerata non eseguita "bene"", posso solo aggiungere che è necessario conoscere la situazione anatomica di partenza, e che è assai facile giudicare a posteriori "con il senno di poi".