Utente 208XXX
Gentili dottori,
Sono un ragazzo di 26 anni e da più di dieci anni ho una psoriasi conclamata, per lo più di forma guttata.

Ho passato degli anni pessimi, ma oggi grazie al sole (abito in un posto di mare), a una vita meno stressante e a creme emollienti riesco a contenerla in maniera ottima su tutto il corpo fatta eccezione per il cuoio capelluto.

La psoriasi del cuoio capelluto è il mio dramma: è talmente estesa che ricopre almeno un 70%.
Sul cuoio capelluto non posso utilizzare le creme emollienti che hanno un ottimo effetto sul resto del corpo; per un paio di estati ho tagliato i capelli a zero per prendere più sole, ma con scarsi risultati; anche prodotti cortisonici come il Losalen soluzione cutanea hanno scarsi effetti (tra l'altro, se l'adopero, termino un flacone ogni tre giorni).
L'unica cosa efficace è usare cortisonici in forma di crema (come l'Ecoval o l'Elocon) su punti mirati. Purtroppo questa non è una soluzione facilmente praticabile in quanto i capelli non facilitano l'applicazione di questi prodotti, soprattutto nei punti più interni del cuoio capelluto.

Ho letto qui: http://www.sitri.it/psoriasi3/psoriasi.html
che il miglior prodotto sarebbe "il calomelano all'8 - 10% incorporato in una base cremosa". Di cosa si tratta? Qual è il suo nome farmaceutico?

Più in generale, che prodotti potrei utilizzare? Una volta uno psoriatico mi parlò di uno spray al cortisone che utilizzava per il cuoio capelluto, purtroppo dimenticai il nome del prodotto.

Vi ringrazio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
salve,
io spero che lei non sia seguito da uno specialista dermatologo perchè sennò potrei fare considerazioni poco simpatiche su un collega che le prescrive solo del gran cortisone.
In realtà ci sono molti topici e non solo per affrontare ula psoriasi, che è sempre più considerata una malattia sistemica, cioè che coinvolge vari apparati.
Non ricorra a noi per indicazioni teraspeutiche, non siamo un ambulatorio on line, ma si rechi in un centro dermatologico grande e si faccia visitare in un ambuylatorio dedicato cghe certo ci sarà. A quel punto, inquadrata la patologia, verrà suggerito un iter pterapeutico personalizzato.
Pianti mlì di èasticciare: la psoriasi non è una fesseria ma una patologia da curare da parte di dermatologi esperti (non tutti infatti hamnno il know how necessario)

saluti
[#2] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
sono seguito da un dermatologo da più di sette anni, una persona affidabile.

Prima ho avuto un'esperienza devastante: mi ero affidato a un dermatologo pubblico che non solo mi ha spinto a curarmi nel suo studio privato ma anche a utilizzare sostanze ancora in fase di sperimentazione (cosa che io ovviamente non sapevo).

I farmaci topici per la psoriasi li ho usati praticamente tutti (vellutan, daivonex, ecc), sempre con scarsi risultati.

Le assicuro che dopo dieci anni, non sono certo un esperto, ma credo di avere una certa conoscenza della malattia: se non ci si vuole curare con farmaci biologici o immunosoppressori le alternative efficaci sono poche.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Bè, sicuramente lo steroide non è tra le cose che si possano usare per 7 anni, ma contento lei....
Vorrei anche capire il perchè ce l'abbia con le terapie antipsoriasiche. Non so che cosa le abbia fatto percepire l'idea che la psoriasi è una vera e propria malattia, non un disturbo, visto che vuole farsi curare con topici che alla lunga sono non solo inutili ma controproducenti. I farmaci per la psoriasi non sono dannosi se usati da chi li sa usare. Chi ne parla male e perchè non ha il know how necessario ad usarli, tutto qui.
Ah, anche il cortisone è un farmaco che dà immunosoppressione.

saluti
[#4] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Concordo con lei, ma naturalmente non ho certo usato il cortisone per sette anni consecutivi: lo utilizzo solo nei periodi di crisi.
Ad esempio, quest'anno per tutto l'inverno ne ho fatto a meno, e solo adesso lo sto riprendendo per il cuoio capelluto.

Negli anni passati ho effettuato due cicli di terapia con il Methotrexate perché a causa di un dermatologo incapace (il mio era in ferie) che mi aveva somministrato del cortisone per bocca per curare un'allergia, la mia psoriasi era esplosa. Il Methotrexate aveva un buon effetto, ma appena smesso di prenderlo le macchie ricomparivano.
Adesso, visto che il problema è limitato a una sola area del corpo, preferirei evitare farmaci così potenti. Non sono tanto convinto che il Methotrexate, la Ciclosporina o chi per loro "non siano tanto dannosi".

Per quanto riguarda i farmaci biologici, basta guardare la lista degli innumerevoli "effetti collaterali" (sarcoma, tumore, cosine così) presente sul sito del centro nazionale che li sperimenta per tenersene alla larga.
Mio zio, che ha il mio stesso problema molto più esteso, andò a Roma per entrare nella sperimentazione; dopo il primo colloquio scappò a gambe levate tanto l'avevano spaventato.


Comunque la ringrazio per la discussione, c'è sempre tanto da imparare. Naturalmente so che il cortisone è un immunosoppressore, ma applicandolo esternamente credo che gli effetti collaterali siano più limitati; conosco bene anche i problemi relativi all'"effetto rimbalzo" e mi rendo ben conto che non è certo acqua fresca; in ogni caso, se lei avrà la voglia e la pazienza di spiegarmi perché detesta tanto il cortisone gliene sarò grato.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Allora,
i farmaci biologici non sono in sperimentazione: si usano quando c'è bisogno, punto e basta.
La ciclosporina nonn la uso volentieri neppure io, per vari motivi. Ma mi pare lei abbia una preclusione del tutto acritica nei confronti dei farmaci utilizabili per la psoriasi, che, negli ultimi anni, ne hanno radicalmente variato l'evoluzione

Saluti