Utente 265XXX
Buongiorno, venerdì prossimo devo fare una RMN con MDC e, avendo avuto una reazione sospetta durante la precedente (prurito alle labbra e alla lingua, formicolio sulla punta delle dita), l'anestesita mi ha detto di seguire tale profilassi:
da lunedì a giovedì 1 fiala di Bentelan intramuscolo
lunedì e giovedì 1 fiala di trimeton.

Premetto che non ho mai assunto né antistaminici, né cortisone.
Inoltre sono iperinsulinemica e assumo metformina (che sospendo per fare la RMN).
Durante le precedenti 4 RMN non ho avuto la minima reazione al contrasto.

Non sono medico, ma a me sembra eccessivo anche perché ho visto altri protocolli ben più brevi e logici.

Vi ringrazio per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buongiorno, le problematiche da lei riferite (prurito alle labbra e alla lingua) potrebbero invece far pensare ad una sensibilizzazione per il MdC (proprio perchè ne ha fatte diverse) per cui è necessario effettuare una profilassi per i giorni che precedono l'esame. La mia esperienza è l'utilizzazione dell'antistaminico (anche in compresse) per la settimana che precede l'esame e il cortisone i.m. la sera prima e il giorno stesso, prima di somministrare MdC. Possono esserci delle variazioni ma fondamentalmente sono questi i due farmaci da utilizzare per la profilassi antiallergica.
Lei scrive che è iperinsulinemica (?) o forse diabetica, assumendo l'ipoglicemizzante orale...
Mi conferma che il cortisone vada somministrato effettivamente ogni giorno dal lun al giov e l'antistaminico solo due volte? Se è così faccia un controllo più stretto della sua glicemia dovendo assumere il cortisone. Cordiali saluti
[#2] dopo  


dal 2012
Quindi mi conferma che anche secondo lei 4 giorni di Bentelan sono molti?
Spesso è difficile parlare con i medici perché non ascoltano cosa la persona ha da dire e partono dal presupposto che sia solo presunzione e non conoscenza del proprio corpo.
Non sono diabetica, per ora solo una forte iperinsulinemia collegata a policistosi ovarica ed un quadro endocrinologico molto complesso.
Il mio endocrinologo, mi sconsiglierebbe una "legnata" del genere (parole sue) di cortisone per la complessità del mio organismo.
Le confermo l'assunzione e le chiedo: ma cosa cambia se assuonto per via orale?

Grazie per l'attenzione (tanto più che è sabato)
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buongiorno, no, non le confermo ciò anche perchè non mi ha detto il dosaggio di Bentelan che dovrà fare e comunque 4 giorni mi sembrano ininfluenti alla luce dei possibili rischi legati ad una crisi anafilattica.
Però resto perplesso dal fatto che lei riferisca una "iperinsulinemia" e nello tesso tempo assume antidiabetici orali. L'insulina abbassa (tra l'altro) il livello di glucosio nel sangue perciò una condizione di IPERinsulinemia dovrebbe crearle più problemi di IPOglicemia e non il contrario. Pertanto mi sfugge il razionale di una terapia anche con ipoglicemizzanti orali come le metformina. Chiedo scusa ma così a distanza le cose si complicano un po e sono costretto a chiederle spiegazioni. Per quanto riguarda la modalità di somministrazione i protocolli in uso prevedono generalmente la somministrazione per os e non intramuscolo propio per facilitare le cose al paziente a casa, pertanto se il mio paziente ha difficoltà ad effettuare i.m. la sera prima a casa opto per la formulazione per os. Quella del mattino invece la si fa nella struttura dove farà l'esame. L'assunzione per os non ne riduce comunque l' efficacia.
Saluti