Utente 401XXX
mio padre colpito da aneurisma cerebrale dei nuclei della base, è rimasto paralizzato, privo di parola e della capacità di deglutire, portatore di tracheostomia e peg per un periodo di circa 4 anni prima di morire. Nonostante tutte queste patologie è sempre rimasto vigile, il quadro clinico sempre nella norma, senza mai subire alterazione dei parametri vitali con analisi sempre nella norma. Le alterazioni dei valori clinici si sono verificate circa15 gg. prima del decesso, con lenta perdita dello stato di vigilanza; al momento del ricovero abbiamo scoperto l'esistenza di vari focolai tumorali mai nemmeno presupposti, peraltro l'unica cosa chiarita che il tumore epatico era di natura secondaria, è possibile determinare da dove si possa essere originato il tumore? è possibile che nessun medico del C.A.D. si sia accorto della malattia? allego testo dell'autopsia. grazie. Edema e congestione polmonare acuta, tromboembolia del vasi- segmentali polmonari bilaterali. Miocardiosclerosi, coronarosclerosi e modica ipertrofia miocardica concentrica (cuore gr. 550). Neoplasia della coda del pancreas (Ck7 + 0k20 +/- , Cklg + , 0D30 -I-i- ) metastasi epatiche multiple Focolai multipli bronco-pneumonici. Aree multiple di sclerosi prostatica. Atrofia renale eccentrica. Esiti di toracotomia mediana. Esiti di tracheostomia e gastrostomia. Esiti di pregresso intervento chirurgico sul polmone di destra. Aterosclerosi aortica e cisti malacica mesencefalica interessante la substantia nigra di destra Aterosclerosi del poligono del Willis.
Grazie





Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Amuri
24% attività
0% attualità
12% socialità
GALLIPOLI (LE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente, spero che anche a distanza di tempo possa leggere questa mia risposta.
Il tumore primitivo (ovvero quello di partenza) che purtroppo ha colpito suo padre e ha dato metastasi epatiche multiple, come posso leggere dal referto autoptico, è il tumore localizzato alla coda del pancreas. Questo tipo di neoplasia è ancora oggi molto aggressiva con un decorso sempre fatale, nonostante i presidi chirugici, chemio e radioterapici attuabili e non sempre. Difficile da poter diagnosticare precocemente per il suo decorso veloce e subdolo (ovvero mancanza di sintomi e segni clinici e mancanza di marcatori di laboratorio precoci di malattia). Solo esami diagnostici strumentali come TAC o RMN possono rivelarci la presenza del tumore. Ma anche se la malattia di suo padre fosse stata presa in tempo (situazione purtroppo oggi raramente perseguibilie), purtroppo le possibilità di guarigione sarebbero ahimè state vane.
Se ha bisogno di altre delucidazioni sono qui a sua disposizione. Nell'esprimere il mio cordoglio le porgo
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2007
nel ringraziarla x il consulto, colgo l'occasione per augurarle buon lavoro. cordialità