Utente 515XXX
salve a tutti, da circa due settimane ho una grande irritazione sulla pancia, che intorno a se ha pian piano formato delle pustole, che mi riempiono la pancia, e gli arti superiori. il dottore a cui mi sono rivolto, dopo una visita, mi ha dato delle pastiglie, ma dopo 5 giorni dall'inizio della cura non ci sono miglioramenti, anzi, la situazione peggiora.
sto iniziando a preoccuparmi un pochino.
premetto che non sono allergico a niente, e che non ho mangiato niente di inconsueto ultimamente.
grazie in anticipo per la risposta
salve!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve,
allora, per prima cosa avremmo bisogno di sapere quale diagnosi le è stata fatta dal suo medico (di base o specialista?) e quale terapia le ha quindi prescritto.
In secondo luogo, purtroppo, può capitare che anche semplici intolleranze a cibi o sostanze, possano svilupparsi nel corso della vita.
Dovremmo capire poi anche meglio la morfologia di queste macchie, prese singolarmente, per poter avere un'idea minima (molto minima di chi le può vedere da vicino) di cosa potrebbe trattarsi.
[#2] dopo  
Utente 515XXX

Iscritto dal 2007
il mio medico di base ha diagnosticato un fungo, e mi ha dato delle pastiglie di itraconazolo EG per 10 gg.
comunque le macchie sono alcune come degli arrossamenti, altre come dei brufoli, altre arrossamenti con il centro bianco, come se fossero delle piccola scaglie di pelle... si fa fatica a spiegare scrivendo...
aggiungo che il prurito si fa di giorno in giorno più pesante.
grazie per la celere risposta e arrivederci!
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Credo sia il momento di abbandonare terapie "ex adiuvandibus" (ovvero vediamo se funziona..) per avere una diagnosi specialistica dermatologica del quadro telematicamente confuso (vedo che anche lei comprende questo ed ora è il caso che lo faccia il suo medico di base inviandola allo specialista) che adduce.

cari saluti
Dott. Luigi LAINO
Ricercatore Dermatologo, ROMA
[#4] dopo  
Utente 515XXX

Iscritto dal 2007
grazie mille doc, la informerò sugli aggiornamenti
saluti
[#5] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
concordo con il dott. Laino,
effettivamente la descrizione delle macchie non aiuta perchè così come ce le presenta il paziente, sono di almeno 4 morfologie diverse...utile quindi una visita da un dermatologo che le possa esaminare attentamente e formulare una diagnosi precisa.
[#6] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Concordo appieno con i colleghi sulla visita dermatologica.Dalla descrizione fatta e dalla terapia data dal medico di base non vorrei che avesse scambiato per un fungo una Pitiriasi Rosea di Gibert eczematizzata, cosa che avviene con frequenza per la cattiva abitudine di qualcuno, che prova ad inventarsi specialista.
Cordiali Saluti
Dr.Alessandro Benini
[#7] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
x il collega Benini, la Pitiriasi Rosea non è la Pitiriasi Versicolor vero?
[#8] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
No,non sono la stessa cosa,la Rosea si presenta classicamente con una chiazza eritematosa lievemente desquamativa, denominata chiazza madre che talvolta rimane misconosciuta,quindi dopo un periodo variabile che può arrivare anche a 2 settimane ,iniziano a comparire chiazzette più piccole clinicamente simili alla chiazza madre denominate satelliti che per via dell' eczematizzazione talvolta possono assumere un certo grado di polimorfismo in circa 7 giorni si raggiunge un acme con l'interessamento di tutto il troco sino alla radice degli arti(forma classica),terminato tale periodo inizia la fase di risoluzione spontanea.L'eziologia è a tutt'oggi ancora sconosciuta in passato sono stati tirati in ballo virus intestinali.la pitiriasis versicolor invece è data da un lievito saprofita denominato pitirosporum orbicolare e si presenta per la maggior parte delle volte con chiazze ipocromiche che si mettono in evidenza soprattutto durante il periodo estivo per via del contrasto che si viene a creare con la cute abbronzata non colonizzata dal lievito in questione.C'è anche una forma che si presenta con chiazzette eritematose con desquamazione furfuracea centrale.
Cari Saluti Davide
Alessandro
[#9] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
grazie Alessandro.
la descrizione che mi hai fornito la conoscevo già ma la attribuivo alla variante versicolor.
Grazie per le delucidazioni.
[#10] dopo  
Utente 515XXX

Iscritto dal 2007
Dottor Benini, la sua descrizione della Pitiriasi Rosea è esattamente la mia situazione, identica al 100%. A che cosa è attribuita secondo Lei? domani mi recherò dal mio medico generico, e la aggiornerò al più presto.
grazie, Cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, come spiegato in precedenza,l'eziologia della Pitiriasi Rosea di Gibert è a tutt'oggi sconosciuta, si pensa si tratti di un virus intestinale al momento non del tutto identificato, la cui sintomatologia permane perloppiù assente, sulla pelle sembra si tratti più che altro di un fatto reattivo su base immunitaria la cui risoluzione è spontanea ,la durata può arrivare a sfiorare anche il mese.L'unico problema sono le eczematizzazioni che, se portano ad intenso prurito, vanno trattate.
Sempre a disposizione per ulteriori chiarimenti
Cordiali Saluti
Dr.Alessandro Benini
[#12] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Dimenticavo Gentile Utente
Informi il suo medico curante che consigliare una visita specialistica, nel nostro caso dermatologica, non è motivo di vergogna,anzi si evitano brutte figure e si risparmia su terapie improprie.
Cordiali Saluti
[#13] dopo  
Utente 515XXX

Iscritto dal 2007
sono appena stato dal medico, che mi ha diagnosticato una Pitiriasi Versicolor, ma la spiegazione della Rosea del Dott. Benini è esattamente la mia situazione..
comunque il medico ha deciso che non è necessaria una visita specialistica e che se peggiora devo tornare da lui
Grazie mille per tutti i consigli!
Cordiali Saluti
[#14] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
ecco il collega di medicina generale che la pensa come me ;). D'altronde la pitiriasi non è una patologia frequente come una dermatite da contatto o un'allergia alimentare (relativamente più diffuse).
Cmq, come dice il collega Benini, non ci sarà bisogno di ulteriori accertamenti, entro qualche giorno tutto passerà così com'è venuto.
Saluti.
[#15] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
"...comunque il medico ha deciso che non è necessaria una visita specialistica e che se peggiora devo tornare da lui..."
Sono contento per l'alta considerazione che ha di noi poveri pellai!!
Cordiali Saluti
Dr.Alessandro Benini

[#16] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
non ti buttare giù Alessandro ;). Ci sono molti medici di base che, pur ritenendosi "specialisti" anche loro, sanno bene che certe patologie come la pitiriasi nelle sue forme, è bene farle vedere a un dermatologo, come un'aritmia a un cardiologo e una vertigine a un neurologo o ad un otorino.
Altri invece (e fors è questo il caso del medico del nostro utente) hanno semplicemente "imparato" a diagnosticare molte malattie, e si sentono sicuri abbastanza per formulare diagnosi e terapie adeguate.
Anche stamattina, pensa, mi son trovato a parlarne con una collega MMG che, alla mia domanda:"sapresti riconoscere una ptiriasi rosea di Gilbert?" mi ha risposto "si, e quando la riconosco sono anche soddisfatta perchè riconosco subito la chiazza madre e di conseguenza giungo alla diagnosi certa".
Capisci cosa voglio dire? Secondo me non è mancanza di considerazione, ma è il progresso dello scibile ;).
[#17] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Ascolta Davide quello che più mi preoccupa della vicenda è come termina la frase ".....che se peggiora devo tornare da lui",qui non siamo più di fronte al progresso dello scibile, ma sconfiniamo nell'arroganza.
Saluti
[#18] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
mi correggo, non "progresso dello scibile" ma: "presunzione del progresso dello scibile"...
Mi esalto anche io quando riesco ad azzeccare diagnosi molto specialistiche, che poi non sono le cose che si imparano nel corso di studi dell'università, ma son cose che vedi (per puro caso) sul campo, o che impari leggendo pubblicazioni scientifiche o altro...
Però io per "azzeccare" intendo "fare diagnosi e inviare allo specialista con il sospetto di........" ;).

C'è poi un aspetto da non trascurare, secondo me, nella condotta degli MMG, che non è solo una loro presa di posizione, ma è qualcosa di più, visto che figura anche negli attuali quiz da studiare per l'ingresso nelle varie specialità. Ovvero: "qualora il medico di base non trovi d'accordo il consulente, può richiedere un'altra consulenza". Questo vuol dire che se io, per esempio, quando sarò specializzato in Cardiologia, faccio una determinata diagnosi, e una terapia, il medico di base ha sempre l'ultima parola...cribbio, anche noi chiediamo al paziente "ha allergie a farmaci?", anche noi monitoriamo le terapie nel tempo. Non saremo monitorizzati come gli MMG ma non siamo gli ultimi arrivati ;).