Utente 226XXX
Io e il mio ragazzo abbiamo avuto un rapporto orale. Il giorno successivo al mio ragazzo, che ha contratto l'herpes labiale diversi anni fa, sono comparsi i primi sintomi sul labbro inferiore. E' possibile che abbia contratto l'herpes vaginale se nel momento del rapporto orale lui non aveva sintomi visibili?
[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
si, perchè i tempi sono ristretti e perchè l'herpes simplex, il quale può essere trasmesso anche nel tipo I (labiale) ai genitali, passa una fase cosiddetta "shedding a sintomatico" che è immendaitamente precedente a quella di stato (nella quale si evidenziano le vescicole e il sintomo) la quale può essere contagiosa

ovviamente siamo in linea teorica.

saluti cari
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta, Dr.ssa. Ho letto che è impossibile debellare il virus una volta contratto ma, nel caso, in che modo posso intervenire per ridurre al minimo i sintomi? Forse è una domanda stupida, ma è possibile prevenire la comparsa di vescicole? E c'è la minima possibilità che non abbia affatto contratto il virus? Mi consiglia una visita medica?

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Certamente, esistono antivirali che possono influire sulla replicazione virale, e ridurre così i sintomi.
Allo stesso modo vi è la possibilità di una profillassi con gli stessi farmaci, ma ciò si consiglia per gli herpes recidivanti , particolarmente fastidiosi.
La possibilità di non aver contratto nulla esiste , eccome.
Nel caso invece più sfortunato , assumerà in fase precoce questi farmaci.
A margine aggiungo che in seguito sarà possibile effettuare anche una sierologia , che allo stato sarebbe inutile per mancanza di sieroconversione.
E ciò ,aggiunto alla obiettività negativa , impoverirebbe un pò la visita medica , che può quindi non essere, attualmente, impellente.
Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
la terapia serve proprio a questo: ridurre i sintomi per durata, intensità e refrattarietà: una volta impostata una valida terapia si accorgerà subito di questa fenomenologia positiva a suo carico.

saluti cari