Utente 228XXX
Buonasera.
Martedì scorso durante un rapporto vaginale (aimè) con una merceneria si è rotto il profilattico, cosa della quale io personalmente non mi ero reso conto, mentre la donna dice di averlo avvertito e che quindi ha interrotto il rapporto. E' cominciato il panico. Mi detto di stare tranquillo circa il suo stato di salute. Dopo non oltre 15 minuti ho provveduto ha detergere profondamente le parti intime.... E' cominciata la mia agonia, ho letto tutto quello che è stato possibile su internet.... Ho deciso di consultare un cento MTS, nonchè di correre a 68 ore dal rapporto al reparto malattive infettive del''ospedale più vicino dove mi hanno "accolto" ed avviato, data la mia determinazione, alla PEP con due farmaci, nonostante mi abbiano rassicurato che le probabilità di contagio siano remote.
Sono al quarto giorno di profilassi sono disorientato e non so cosa fare. Non chiedo la grazia soltanto il punto di vista ed un aiuto a decidere....
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

il rischio di contagio da Hiv aumenta in proporzione al numero dei rapporti sessuali a rischio e, nel singolo rapporto sessuale, alla durata della mancanza di protezione;
mi pare di capire che nel suo caso il rapporto è stato interrotto non appena si è avuta la sensazione della rottura del profilattico
Perciò, secondo me le probabilità di contagio HIV sono basse.

AIDS: come misurare il rischio
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=29

Cordiali saluti