Utente 925XXX
Buona sera a tutti i medici in linea.
Ho una richiesta da fare, relativa alla mamma che da 5 anni e' affetta da epatite C Gli esami completi, ultimamente fatti sono buoni, per il colesterolo pero' i valori sono:
HDL 66
LDL 282
inoltre:
TRIGLICERIDI 59
GLUCOSIO 82
Ora il medico ha detto di prendere 10mg di SIMVASTATINA al giorno.
Siccome il farmaco e' usato anche da mio padre e ho visto dalle indicazioni
sul foglietto che e' una sostanza che in parte potrebbe essere tossica per
chi ha gia' problemi al fegato sono un po preoccupato.
Quindi vorrei sapere se secondo voi e' comunque il caso di prendere il farmaco
per vedere di abbassare il colesterolo LDL,o se invece e' il caso di non andare a infastidire il fegato scatenando magari qualcosa di dannoso.
Resto in attesa di un vostro mirato consiglio e colgo l'accasione
per ringraziare l'intero staff di Medicitalia.
[#1] dopo  
Dr. Roberto Chiavaroli
32% attività
4% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
immagino che sua madre sia anziana e verosimilmente abbia contratto l'epatite C da molti anni e che ne sia a conoscenza solo da pochi ( 5).
Soprattutto in questi casi in cui l'infezione data da più di 15 anni le possibilità che la fibrosi sia avanzata sono molte dunque bisogna evitare farmaci epatolesiv da assumerei per lunghi periodi.
La " lista nera" dei farmaci da evitare riguarda l'uso frequente dei FANS e l'uso quotidiano di Statine, Antidiabetici orali, ipnotici, Psicofarmaci, Antiepilettici.
Se possibile è consigliabile assumere terapie alternative o intervenire con presidi non farmacologici.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 925XXX

Iscritto dal 2008
Dr. Chiavaroli la ringrazio per la sua risposta.
La mamma come lei ha giustamente dedotto ha 72 anni.
Mentre per la data in cui ha contratto l'infezione io l'ho datata a cinque anni fa in quanto la mamma nel 2006 ha tolto la colicisti
e nessuno ci ha detto che aveva l'epatite C.
Io da profano penso che prima di fare un operazione del genere vengano fatti accertamenti e ritengo che sia impensabile che si proceda ad operare senza prima aver fatto esami in merito.
Cosi quando nel 2008 la mamma e' stata operata a Pavia ad una spalla, si e' ritrovata con la diagnosi dell'Epatite C
peraltro nascosta a sua insaputa all'anestesista.
Io allora ho chiamato l'ospedale di Como dove era stata operata la colicisti, per ragguagli sulla sua cartella clinica per capire quando poteva aver contratto l'epatite, ma di esami relativi, alla presenza del virus guarda caso il buio piu' assoluto.
Questo il motivo per cui io reputo che il virus sia stato passato alla mamma proprio in sala operatoria cioe' circa 5 anni fa.
Mi permetto di chiederle anche un consiglio nel caso lasciassimo
perdere le statine.
La dieta OK,..... ma dei prodotti vari (Danacol e altri) ci si puo' fidare,servono o anche li e' meglio lasciar perdere.
Grazie mille per la sua gentilezza Dr. Chiavaroli
Spero riesca a trovare il tempo per rispondermi...
Buona Serata.
[#3] dopo  
Dr. Roberto Chiavaroli
32% attività
4% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
dunque,
se si tratta di una lieve ipercolesterolemia una buona dieta ( fatta da un dietologo) e dell'attività fisica può essere sufficiente.
Se si tratta di colesterolemie elevate la Pravastatina è il farmaco meno tossico tra le statine. Ottimo l'olio di fegato di merluzzo ( eskim) ma attivo solo sui trigliceridi.
Per il resto ( Danacol o altro) si tratta di specchietti per le allodole...

Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Utente 925XXX

Iscritto dal 2008
Dr. Chiavaroli cerchero' di mettere in pratica i suoi consigli preziosi.
La ringrazio e colgo l'occasione per farle i migliori auguri di Buon Natale.
Buona serata.