Utente 231XXX
Buonasera gentilissii dottori, ho 21 anni, non fumatore e non bevitore di caffè, atletico, ex cestista fino a 3 anni fa! Vorrei un vostro parere sull'oggetto da me esposto. A Giugno di quest'anno ho eseguito, per rilascio certificato agonisto, un ECG basale, ecocardiogramma e test ergometrico! ECG ed eco nella norma, nessuna anomalia, ecg sforzo negativo per ischemia e aritmie inducibili! Lavoro fuori sede, per me l'estate è stato un periodo di forte stress psico-fisico, primi di luglio causa disfagia mi diagnosticano alla guardia medica un reflusso gastrico con possibile ernia jatale. contatto telefonicamente il mio medico che, perplesso, mi dice che per diagnosi del genere ci vogliono accertamenti e non una semplice visita! Continuo con questo disturbo tutta l'estate e, una volta tornato a casa a settembre, eseguo raggi all'esofago con bario negativi per reflusso ed ernia e visita otorinolaringoiatra ok, diagnosi: fattore nervoso e psicologico! Da quel momento in poi nessun disturbo! Fine settembre torno in sede lavorativa e ricomincio palestra, abbandonata in estate! 30 minuti di corsa e 30 di cyclette 3 volte a settimana. Dopo la prima settimana durante la corsa avverto sporadiche extrasistole solo quando aumento il carico, 2/3 in 2 minuti e quindi mi fermavo. Durante cyclette, pur aumentando di molto il carico, tutto ok! Ricomincia la mia ansia psicosomatica! Abbandono palestra decido di correre su strada, avverto extrasistole o all'inizio, quindi mi fermavo prendevo un bel respiro cercavo di calmarmi e riprendevo l'allenamento senza problemi, oppure nella parte finale dell'allenamento che eseguivo senza eccessivi sforzi (percorrevo 4/5 chilometri). In bici, percorrendo 6/7 chilometri a velocità moderata, tutto ok, niente segni di extrasistolia! Mi metto molto in ansia, tanto che comincio ad avvertirli anche a riposo ma raramente (in due mesi posso averle avvertite 10/15 volte). Parlo col medico il che mi dice che devo cercare di stare calmo (dato i problemi avuti precedentemente) e che questa banale extrasistolia non vuol dire "malattia cardiaca" anche perchè, 4 mesi prima, i risultati di eco e ECG da sforzo erano risultati PERFETTI! Adesso è un mese e mezzo che non corro perchè ho paura possano ripresentarsi durante la corsa, a riposo come detto prima le avverto poche volte...ne avrò avvertite 10/15 in due mesi dalla prima volta...e alcune mentre facevo sesso..ma partivo già con l'ansia che mi venivano...e puntualmente arrivavano!!! Leggo su internet (la mia rovina) extrasistole sotto sforzo = maligne = cardiopatia!!! Non ne posso più, il medico mi prende per psicopatico, mio padre anche...lui è stato operato di by-pass aorto coronarie 12 anni fa, presenta extrasistole (si notano dai battiti durante la misurazione della pressione) e mi dice che si presentano anche in cuori sani...la mia pressione oscilla sui 120/70 e a riposo i miei battiti oscillano sui 55/60 al minuto! Chiedo un vostro parere, intervento, vi ringrazio di cuore...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La maggior parte delle extrasistoli sono del tutto benigne. Non mi pare comunque che lei sia mai riiuscito a registrarle. Le suggerisco l esecuzione un Holter cardiaco delle 24 ore.
Si tranquillizzi
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  


dal 2011
No dottore, non le ho mai registrate. Quando misuro la pressione non ne ho mai notate, a volte resto anche decine di minuti controllando il battito cardiaco al collo e niente! Ieri sera ne ho avvertita una prima di andare in discoteca, non troppo fastidiosa, ma comunque era una giornata che ci pensavo sempre su (infatti ho lasciato proprio ieri sera il mio consulto qui). Penso che dovrei gestire molto la mia ansia, la paura di essere malato, nonostante gli esami negativi svolti 6 mesi fa...
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi pare che anche lei contenga che sarebbe file che lei si rivolgesse ad uno specialista per trattare questi disturbi d ansia che le rendono difficile una vita di relazione normale.
Lei non ha bisogno di un cardiologo .
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuire.org