Utente 233XXX
Gentili Dottori,
non saprei neanche io in che categoria inserirmi data la catena di sintomatologie che mi sta perseguitando in questo periodo.
Ho pensato alla Chirurgia di Urgenza e Pronto Soccorso semplicemente perchè il mio primo consulto l'ho fatto proprio in pronto soccorso.
Questa in breve la mia storia:
Dal 5/10/2009 soffro di Dap , ansia anticipatoria, ipocondria e psicosomatizzazione.
Dopo vari giri al Pronto Soccorso e diverse visite per escludere una patologia organica mi è stato riscontrato questo disturbo e inviata da uno Psichiatra.
Dal gennaio 2010 sono in cura con Entact e Lexotan al bisogno , abbinata a psicoterapia con il mio Psichiatra e ad un gruppo di autuo mutuo aiuto.
La cura con l'Entact ha avuto i suoi effetti dopo circa 1 mese e mezzo e alcuni effetti collaterali già anticipati. In questi 2 anni tale cura è stata diminuita, con consulto del medico e gradualmente, è stata sospesa nei periodi estivi per poi essere ricominciata durante l'autunno di quest'anno.
La mia dose terapeutica è di 20 gocce al giorno , ora a 10 gocce in risalita.Il Lexotan ormai lo prendo solo piu' al bisogno , i miei attacchi di panico sono ormai saltuari, ma non posso dire scomparsi. Il problema del DAP pero' non sono i solo attacchi panico ma anche il modo di vivere che ti impongono i vari evitamente con cui imparare a convivere , l'ipocondria, la paura di vivere e le varie sintomatologie come mal di testa e tensioni varie.
Quindi questo è il mio morbo che mi porto dietro ogni giorno, ma come ben voi sapete, avere una patologia non ne esclude altre.
Agli inizi di novembre 2011 ho avuto un episodio di diarrea, febbricola e dolori addominali. Recatami al PS mi è stato riscontrato una colica appendicolare , esami di laboratorio con globuli bianchi nella norma e PRC a 2.7. Il giorno successivo mi hanno fatto tornare per ripetere gli esami, i globuli bianchi sempre nella norma PRC scesa a 1.7. Decidono quindi di darmi dieta in bianco , antibiotici Augmetin per 1 settimana e probiotici ( Zirfos per un mese). Nel periodo della cura antibiotica mi sentivo sbattuta e il dolore persisteva alla gamba, ai reni e alla pancia. Mi sono recata dopo 2 settimane a fare una visita di controllo dal Primario di Chirurgia privatamente, perchè il mio non fidarmi dei dottori e la mia ipocondria dati dal mio disturbo , mi portano spesso a questi atteggiamente esagerati. Mi è stato detto che l'appendice in eco non si vedeva , quindi non infiammata, visita chirurgica con palpazione dell'addome e diagnosticata un'appendice retrocecale. Mi viene spiegato quindi che il mio dolore è piu' forte rispetto a chi ha l'appendice in posizione normale perchè è girata è tocca anche sui reni. Mi viene detto di continuare la cura con Zirfos, di non preoccuparmi che non è il caso di agitarmi e di operarmi , che se a distanza di 1 mese avessi avuto ancora dolori cosi' forti sarebbe stato il caso di toglierla anche se non acuta.
Dopo questo consulto il dolore è andato via via scomparendo...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile signora i disturbi accusati potrebbero essere stati effettivamente causati da una appendicopatia in fase subacuta. Una ulteriore possibilità potrebbe essere stata una cosiddetta ovulazione dolorosa che potrebbe spiegare il perché non vi è stato un aumento degli indici di infiammazione. E' però solo la visita che può dare informazioni corrette. Se il dolore però va scomparendo certamente non esiste indicazione alla chirurgia.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottore, la ringrazio per la tempestiva risposta ma la mia storia non era finita, non c'era piu' spazio per scrivere. Le dicevo che io dolore all'appendice è andato via via scomparendo, solo qualche fitta ogni tanto molto leggera e immediata. Ma dopo circa 2 settimane dalla fine della cura di antibiotici mi sono ritrovata ad avere feci piuttosto dure. Io ho sempre sofferto di emorroidi come eredità di famiglia, ma piccole crisi che andavano e venivano. Ora sono piu' di 3 settimane che mi stanno facendo vivere un inferno.All'inizio ho avuto dei sanguinamento rosso accesso, poi il sanguinamento è passato ma mi sono uscite fuori gonfie e insopportabili sia durante la defecazione che tutto il resto delle giornata. sono andata da un proctologo ieri che mi ha solo guardata in quanto molto gonfia era impossibile effettuare una visita corretta. mi ha dato da predere prisma 2 volte al giorno, paxabel la mattina e pentacol gel 2 volte al giorno. Diagnosi emorroide trombizzata ore 3. oggi ho iniziato con il pentacol gel, ma brucia da morire e non trovo nessun sollievo.Volevo capire se sto seguendo la strada giusta e come mai questa volta , proprio in concomitanza con la colica appendicolare, le emorroidi sono cosi' devastanti e non passano piu'. Inoltre il mio disturbo di DAP non aiuta, sono arrivata anche a pensare che sto somatizzando sul colon.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signora se le emorroidi sono effettivamente trombizzate le cure che sta facendo sono scarsamente utili. La soluzione per provare sollievo è di praticare una incisione per evacuare il coagulo di sangue.