Utente 222XXX
Salve,
sono una ragazza di 19 anni. Il 16/11/11 ho eseguito un pap test, diagnosi: Lesioni intraepiteliale squamosa di basso grado (LSIL) include HPV/ displasia lieve/ CIN 1. Dunque il 6/11 la mia ginecologa mi ha fatto fare una colposcopia durante la quale ha costatato l'infezione da HPV e ha dunque eseguito 1)biopsia portio 2)biopsia fornice vaginale anteriore cha ha dato i seguenti risultati: 1) mucosa cervicale sede di metaplasia squamosa ed alterazioni citopatiche virali LSIL CIN1
2) mucosa cervicale sede di alterazioni citopatiche virali e displasia lieve moderata p 16 negativa Ki67 elevato HSIL CIN2. Dopo tali risultati il 28/12 ho eseguito l'HPV test. Ho visto che il referto di questo test sarà pronto tra circa un mese..ora la mia paura è che se io attendo tutto questo tempo le lesioni si moltiplichino e si aggravino.. dunqueè non sarebbe meglio procedere immediatamente con l'eliminazione di queste lesioni? perchè aspettare l'hpv test? Un'altra domanda è: una volta debellato questo virus potrò fare un vaccino?? grazie in anticipo e auguri a tutto la staff di medici di un felice anno nuovo. Saluti
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
16% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Gentile Utente il tempo che passa per avere il risultato del test non influisce sull'andamento delle lesioni e della displasia che risulta di grado lieve moderato una volta ottenuto il sottotipo di HPV vedrà che la ginecologa che la sta seguendo tratterà "bruciando" l'area affetta e la sottoporrà a controlli periodici che dovrebbero fare tutte le pazienti indipendentemente dall'esito dei pap tests.Per quanto riguarda la vaccinazione vengono coperti solo alcuni ceppi (vaccino bivalente 16-18 o tetravalente 6-11-16-18) e dovrebbe essere obbligatoria per le dodicenni che si presume non siano ancora venute in contatto con nessuno dei sottotipi in questione,comunque alcuni studi scientifici dimostrano l'utilità nel combattere il virus somministrandolo anche in età avanzate (rispetto ai 12 anni di cui sopra) sino a 45 anni ed in donne che già sono venute in contatto con i sottotipi precedentemente elencati.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta Dottore. Dunque secondo lei non ci sarà neache la necessità di fare la conizzazione ma semplicemente una bruciatura? e posso fare il vaccino nonostante sia venuta a contatto con questi ceppi?
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
16% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Le risposte al suo ultimo post è decisione solo di chi potrà occuparsene realmente io ho riportato il mio pensiero..
Cari saluti e buon anno!