Utente 234XXX
ho appena scoperto di essere affetta da condilomatosi florida della forchetta e anale. sono in attesa dell'esisto del Pap test, mentre le analisi della ricerca del papilloma virus sono risultati positivi per coinfezione HPV6 e HPV51.
Vorrei sapere se tutto cio' è stato causato da un post aborto, che ho subito pochi mesi fa (ottobre), oppure è stato a causa di un rapporto sessuale con il mio fidanzato.
Ed inoltre, io e il mio ragazzo abbiamo sempre avuto rapporti protetti dal preservativo, solo rarissime volte (2-3) non siamo stati attenti a proteggerci, e vorrei sapere se lui, avrà lo stesso mio problema, che fino ad oggi sembra non esser comparso (anche se i rapporti non protetti li abbiamo avuti quando i condilomi erano già presenti e abbastanza grandi) ,oppure se fortunatamente, magari grazie a delle difese immunitarie, che spero avrà, riuscira' ad evitare tutto quello che sto subendo io.
non mi resta che sperare, dato che trovo per nulla carino raccontargli l'accaduto.
secondo voi, sarà possibile non avergli trasmesso nulla??? ed inoltre quali possono essere le tecniche per eliminare questi fastidiosi condilomi??? vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Spero gentile utente che possa trovare ausilio da questo personale articolo, rimanendo disponibile per ulteriori ragguagli, stante l'impossibilita' di evincere chi le abbia trasmesso il virus.

http://www.medicitalia.it/minforma/dermatologia-e-venereologia/602-fa-hpv-uomo-donna.html

Saluti
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio gentile Dottore per aver chiarito qualche dubbio in merito al virus.
La domanda che vorrei porle è se ad oggi, dopo aver avuto rapporti seppur rari, ma non protetti, il mio fidanzato avrà anche lui di certo questo problema, o se puo' esserci una percentuale che varia da soggetti a soggetti, in grado di proteggerlo da questo virus. mi spiego meglio, gli avrò trasmesso questi condilomi, oppure potrà non averli contratti???
saranno visibili anche a lui, e in che tempi???
c'è qualche cura, che possa aumentare le difese immunitarie???
La ringrazio per la disponibilità.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No dipende soprattutto dalla soggettività immunologica e dal permissivismo immunologico citato anche nel mio articolo.
Non tutti acquisirono e poi sviluppano patologia virale.
Esistono terapie che aumentano il grado di difesa. Ne parli con il dermatologo venereologo

Saluti ancora