Utente 234XXX
Buongiorno, Dottore.

Dopo varie reazioni allergiche crescenti insorte per la prima volta qualche anno fa mi è stata diagnosticata un'allergia al mais con allergo test per alimenti positivo, mais +++, un valore di IgE specifica granoturco pari a 3,59 e una IgE specifica per la proteina Pru p3 (LTP) pari a 0,59.
Ho eliminato naturalmente tutti gli alimenti contenenti farina di mais. Chiedo:
1 - Anche i derivati del mais, come olio di mais, amido di mais e malto di mais o altri possono avviare una reazione allergica?
2 - Come posso sapere quali altri alimenti contengono la proteina cui risulto essere allergico?
3 - È necessario essere seguiti nel tempo da un allergologo, ovvero ripetere esami e investigare nella mia allergia oltre quello che già si è scoperto?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Ipotizzando che la Sua allergia al mais dipenda da una LTP:
1) olio e amido - se ottenuti senza impurità - non dovrebbero contenere la proteina, per cui potrebbero essere ritenuti sicuri: ovviamente sempre con qualche riserva in relazione ai processi di produzione e poi perché è possibile comunque utilizzare degli alternativi senza particolari interferenze con la qualità di vita; il malto è senz'altro ad alto rischio, trattandosi del "chicco", quindi deve essere evitato;
2) se il Suo problema è clinicamente limitato al mais, deve evitare quell'alimento e non altri - almeno fino a nuove reazioni, che a quel punto dovranno essere indagate;
3) a mio avviso un controllo periodico dall'allergologo è necessario.
Saluti,