Utente 236XXX
Cari dottori,
espongo brevemente il mio problema:
in seguito ad una carie, mi è stato devitalizzato ed otturato, ma non ricostruito del tutto, il secondo molare a sinistra dell'arcata inferiore.
Da oltre un anno, mi si è tolta l'otturazione e non ho provveduto a tornare dal dentista.
Ho sempre cercato di avere una buona igiene orale, ma in almeno 12 mesi di sicuro del cibo è finito dentro a quel profondo buco.
Ora purtroppo sono all'estero per qualche mese, e vorrei sapere i rischi che sto correndo. Di sicuro non è la situazione ideale per il dente, ma non so neanche immaginare cosa ci sia al termine del buco (cibo?/l'osso?).
Cosa può essere successo? Quali sintomi dovrei aver avuto, al caso?
Grazie mille per le Vostre risposte.
[#1] dopo  
Dr.ssa Laura Anna Melone
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALPIGNANO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, la perdita del sigillo coronale (otturazione) può aver favorito la reinfezione dei canali radicolari del dente. Sarebbe prudente pertanto, nonappena effettuerà il suo rientro dall'estero effettuare una visita odontoiatrica per valutare un'eventuale rifacimento della terapia canalare e la ricostruzione del dente in questione. Il fatto che si sia fratturato dopo solo un anno può indicare una fragilità intrinseca della struttura residua tale da rendere necessaria la costruzione di una protesi in ceramica ali fine di proteggere il dente da evetuali future fratture.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Forse c'è stato un fraintendimento: l'otturazione è saltata qualche mese dopo averla messa, e, ad oggi, è oltre un anno che non ho l'otturazione, e quindi ho il buco scoperto (Novembre 2010 mi sembra). Devo preoccuparmi del cibo che può essere entrato, e di eventuali danni a ciò che è sotto il dente (ossa, mandibola)?
Naturalmente, tornerò dal dentista appena sarò in Italia.

Grazie mille per la veloce risposta.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Cappelli
44% attività
0% attualità
20% socialità
AMANDOLA (FM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Posso immaginare che il dente , privo della otturazione ed esposto per oltre un anno alla azione dei batteri del cavo orale oltre che al probabile ristagno di cibo, si sia ulteriormente cariato.
Generalmente in queste situazioni le pareti residue del dente( che prima sostenevano la ricostruzione) vanno incontro ad un processo di distruzione cariosa con rammollimento delle stesse, fino ad arrivare nelle fasi finali alla perforazione radicolare , alla separazione delle radici ed alla ricrescita della gengiva sopra le radici stesse.
Ovviamente se questo e' succso il dente e' da estrarre.
Se invece e' ancora conservato in maniera adeguata , dopo una adeguata pulizia e un probabile ritrattamento canalare( nuova devitalizzazione) per i motivi che le ha esposto la collega potrebbe essere ricostruito e poi incapsulato.
Per ora non puo' fare altro che mantenerlo il piu' possibile pulito in atttesa di andare dal suo dentista.
[#4] dopo  
Dr. Leopoldo Maini
24% attività
8% attualità
12% socialità
ALA (TN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Le consiglio di farsi visitare da un odontoiatra per controllare lo stato del dente, onde evitare di perderlo, magari è ancora possibile fare una medicazione provvisoria.
[#5] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Da sabato avverto mal di testa, collo, nausea, e male alle tempie ed alla mascella. In particolare questi ultimi 2, possono in qualche modo essere ricollegati al problema sopra esposto? Grazie mille