Utente 129XXX
Salve sono un ragazzo di 25 anni,

ho scoperto di avere da ormai 2 anni problemi di ipertensione associata a una patologia nefrologica.
Ho assunto da circa 1 anno e mezzo lopresor 200mg e mi è stato sospeso bruscamente per un orticaria molto importante oltre che l'ipertensione non si regolava più come il primo anno.

Ora chiedo un vostro parere, prima di assumere il lopresor avevo dei battiti minuto di 59/60 e con il betabloccante a volte scesero anche fino a 42 battiti minuto ma viaggiavo spesso sui 53 battiti minuto.
Con la sospensione brusca ovviamente il cuore si è trovato sprovvisto del lopresor e sono passato a 80/85 battiti minuto a RIPOSO! per non parlare di quando mi muovo che superano anche i 110 portandomi affaticamento fin da subito.
Volevo aggiungere che sono stato sempre un super sportivo ecco percui prima delle cure viaggiavo sempre sui 59-60 e in corsa leggera footing sui 75 battiti minuto.

Infine ora come posso fare per ritornare a dei battiti minuto decenti per la mia persona?
Ormai il betabloccante è stato sospeso da più di 20 giorni ma il tutto resta.
Cosa posso intraprendere? esiste una strada per risolvere la cosa?
Non voglio più assumere i betabloccanti!
Ora per l'ipertensione assumo il rasilez.


Grazie per l'attenzione
Saluti
Daniele

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L interruzione della tre apia con beta bloccante riporta in brevissimo tempo la frequenza a valori normali come appunto lei riporta.
Occorre solo che lei sia intuì nuovamente ai suoi valori pressori spontanei.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Dottore purtroppo non riesco a capire la sua risposta, la mia frequenza non è tornata assolutamente come era in precedenza e da ormai 20 giorni persiste ed ho chiesto appunto in questi casi, come ci si dovrebbere comportare.

Ripeto avevo una frequenza di 59/60 prima del betabloccante, ora con la sospensione viaggio 80/85 il mio corpo non è abituato e ne sento i fastidi.
Non voglio assumere più i betabloccanti, una soluzione?

Se anche qualche altro medico vuole rispondere è ben accetto.

Grazie
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei non avrà' più' la frequenza di quando assumeva il beta bloccante. Ci vorranno settimane affinché lei si abitui ai nuovi valori di frequenza,i quali sono peraltro valori normali, di ogni soggetto che non assuma beta bloccanti
cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
I valori in cura con il betabloccante erano di media 50bt a volte anche meno.

Io non chiedo di avere quei battiti ma di tornare più o meno, alla frequenza prima di iniziare questa cura che era di 60! non so se mi sono spiegato.

Io ora se faccio un capo di scale sono affaticato più di un signore anziano.

Prima di ogni cura frequenza =60

Durante cura betabloccante <50

Sospensione cura >85


Non so se mi spiego male o non risco a capire io.
Ora per un capo di scale arrivo a 120 battiti, prima di assumere betabloccante e non sapere neanche l'esistenza con un capo di scale avevo 75 battiti e non 120.

Attendo info e mi scuso
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le sto spiegando che ci vorranno settimane per ritornare alla frequenza cardiaca che aveva prima della terapia con beta-bloccanti.
E la sensazione sgradevole della frequenza piu' elevata e' legata al fatto che per molto tempo la sua frequenza e' stata "tenuta a bada" appunto dal beta bloccante.
Non so perche' le sia stato eliminato dalla terapia questo farmaco e sostituito con l' Aliskiren, ma evidentemente il suo cradiologo avra' avuto i suoi buoni motivi.
Si tranquillizzi pertanto
Cecchini
www.cecchinicuore.org