Utente 896XXX
Salve gentili dottori,
qualche giorno fa mi è capitato un episodio poco igienico nello spogliatoio di una piscina.
Al termine della lezione di nuoto mi sono accorto che sulla porta dello spogliatoio, un po' sopra la maniglia, c'erano alcune gocce di un liquido che sembrava sangue, ma secco (colore marrone) e diluito in acqua (forse qualcuno si era ferito in piscina ed era andato a medicarsi lì?). Nel bagno dello spogliatoio sul coprivater altre macchie simili. Quando me ne sono accorto sono stato attento a non toccare tali macchie, ma è possibile che le abbia toccate spogliandomi PRIMA della lezione, quando il sangue poteva essere ancora fresco (ero in ritardo e ho fatto molto in fretta). In effetti la sera ho trovato una macchia di sangue sulla maglietta intima, ma potrei essermela fatta il giorno prima, essendomi procurato una screpolatura da freddo, sanguinante, su una mano.
Non vorrei essermi toccato la bocca e gli occhi con la mano sporca di quel sangue senza accorgermene... Inoltre sulle mani avevo i resti delle screpolature dei giorni prima (ormai chiuse e non più sanguinanti)
Si configura un rischio (aids, epatite...)?
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
e se la prsona cui ho stretto la mano avesse le verruche? magari meglio usare i guanti tutto il giorno!
Quando la normale attenzione per l'igiene diventa ossessiva si chiama patofobia e va affrontata in altro modo. IO credo che non ci siano pericoli. Non sa neanche se il liquido fosse sangue. Figuriamoci se sa che l'ha toccato!!

Saluti
[#2] dopo  
Utente 896XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore! Il liquido sembrava proprio sangue, comunque non credo di averlo toccato e soprattutto di essermi messo la mano in bocca.
Saluti